Xi'an Prestige (2019)
Giudizio complessivo:
Autore: Testini Francesco
Artista: Corsi Davide
Editore: Aktia Srl
Numero giocatori: 2
Durata media: 30 minuti
Tipologia giocatori: Per tutti
Ambientazione: Costruzione di un esercito di statue di terracotta nell'antica Cina.
Categoria: Carte Speciali
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Scambio risorse
Motore: Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 6
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 1
Difficoltà: 2
Valutazione BBG
Voto: 0
Votanti: 0
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

La rivista italiana IO GIOCO, arrivata ormai alla maturità redazionale, ha deciso di “premiare” i suoi abbonati offrendo loro un gioco di carte a scelta fra Guildraft e XI’AN PRESTIGE: quest’ultimo, per due giocatori, è stato ricavato da Xi’an (edito da Pendragon nel 2017) ed è composto da 1 carta “Primo Giocatore”, 9 Carte “Personaggio”, 6 carte “Equipaggiamento” e 36 carte “Guerriero di Terracotta”.

All’inizio della partita ogni giocatore riceve 4 monete, una carta guerriero ed una carta personaggio pescata casualmente dal mazzetto: poi i personaggi rimanenti e gli equipaggiamenti sono mischiati accuratamente al mazzo principale, da cui vengono poi estratte 12 carte, da piazzare in quattro gruppetti da “3” sul tavolo. Il mazzo della “pesca” viene lasciato a disposizione dei giocatori insieme a 5 monete di riserva (banca).

Ogni carta Guerriero ha due disposizioni: se è giocata “rovesciata” (a testa in giù) mostra una delle quattro diverse “risorse” disponibili (delle pietre rosse, gialle, blu e verdi), mentre “dritta” mostra un guerriero di terracotta (sempre nei quattro colori) ed un numero di risorse colorate necessarie per costruirlo e pitturarlo. I giocatori, a turno, devono scegliere una carta dal tavolo, pagandola 2 monete se è la prima di un tris: se invece è la seconda la moneta viene spostata sulla terza carta. Chi sceglie la terza ovviamente incassa le due monete.

Dopo aver preso la carta il giocatore deve decidere se usarla come risorsa (in tal caso la rovescia e la mette nella fila delle risorse con lo stesso colore davanti a sé) oppure come Guerriero. In questo caso però il giocatore deve avere già davanti a sé le risorse necessarie per la costruzione: in tal caso mette il Guerriero “dritto” in una quinta colonna sul tavolo (varrà 2 Punti Vittoria (PV) a fine partita) e poi aggiunge alla colonna una delle carte usate per l’acquisto, mettendola girata sul dorso a mostrare 1 PV.

Se, per fare un esempio, ho già in riserva 2 carte rosse, 3 verdi, 2 gialle e 3 blu potrei costruire un guerriero che richiede 1 giallo, 2 rossi e 2 blu, prendendolo dal tavolo (alle solite condizioni) e mettendolo sulla colonna delle statue finite insieme da una carta rovesciata gialla, rossa o blu, facendo attenzione a non compromettere eventuali ulteriori acquisti spendendo la risorsa sbagliata.

Se il giocatore decide invece di prendere un “Personaggio” ha la scelta fra tenerlo in mano per fare PV extra a fine partita (vedere il commento sotto) oppure se girarlo ed inserirlo in una colonna delle risorse che abbia uno dei colori mostrati per poter usare in seguito le sue risorse. Gli Equipaggiamenti invece possono essere usati per il loro potere (vedi sotto) oppure, girati, per costruire un “Mausoleo”.

Ogni volta che un “tris” di carte si esaurisce se ne devono rimettere in tavola tre nuove: quando non ci sono abbastanza carte per ripristinare un tris la partita termina e si passa al conteggio dei PV. Ogni giocatore riceve 3 PV per ogni statua (2+1) e ulteriori PV in base ai Personaggi raccolti ed alle condizioni da loro indicate. Chi ha più PV vince.

Commento

Una partita a XI’AN PRESTIGE non dura mai più di mezzora ma è piuttosto divertente e competitiva: i due avversari infatti non soltanto devono fare bene attenzione alle carte da raccogliere ed alle monete da spendere di conseguenza (cercando di non lasciare troppe carte singole all’avversario che si impossesserebbe anche delle 2 monete), ma devono anche cercare di decidere una strategia di base per potere scegliere in seguito sia i Personaggi che gli Equipaggiamenti più adatti.

Infine è importante acquistare con oculatezza le carte “risorsa” in modo da avere la più ampia flessibilità al momento dell’acquisto delle statue: generalmente nella prima parte della partita si accumuleranno risorse e nella seconda si useranno per prendere le statue.

Ecco i “poteri” dei 9 personaggi (da conteggiare tutti a fine partita):

  • Cinque di essi regalano 2 PV per ogni statua costruita che ha un simbolo corrispondente a quello del personaggio (ventaglio, arco, spada, lancia, cavallo);
  • L’Esattore assegna 1 PV per ogni moneta rimasta al giocatore;
  • L’Ufficiale assegna 2 PV per ogni Equipaggiamento in mano;
  • L’Esperto assegna 7 PV se il giocatore ha quattro tipi di statue diverse (in base ai simboli visti sopra);
  • L’Amministratore dà 1 PV per ogni carta “risorsa” rimasta sul tavolo davanti al giocatore.  

Le carte “Equipaggiamento” possono essere utilizzate mettendo in atto il loro potere (e quindi tenendole da parte per la fine partita nel caso si abbia anche l’Ufficiale) oppure mettendole girate a testa in giù sul tavolo a mostrare il simbolo del Mausoleo, per ottenere a fine partita 1-2-6-10 PV se si hanno 1-2-3-4 carte di questo tipo sul tavolo. I poteri sono:

  • Alabarda: due monete e possibilità di cambiare tutte le carte di un tris in tavola;
  • Balestra: regala 2 carte “riserva” messe da parte ad inizio partita (2 PV);
  • Carro: una moneta e possibilità di fare subito un altro turno;
  • Cavallo: una moneta e, se si possiede già la spada, si può rubare una statua all’avversario;
  • Frecce: tre monete;
  • Spada: una moneta e, se si possiede già il cavallo, si può rubare una statua all’avversario.

Come abbiamo scritto nella prima parte entrambi i giocatori partono con 4 monete, mentre altre 5 sono in banca (per un totale di 13): per ottenere altro denaro ci sono tre modi:

a – Passare e prendere 2 monete;

b – Prendere l’ultima carta del tris con le 2 monete sopra;

C – Usare una carta Equipaggiamento ed incassare le monete indicate.

Se in banca non ci sono più soldi il giocatore li preleva direttamente … dalla cassa dell’avversario: regoletta davvero interessante che rende le partite più “cattive” e quindi più interessanti. Nulla viene detto nelle regole nel caso che entrambi i giocatori passino consecutivamente quando non ci sono più monete in banca (quindi ognuno le prenderebbe all’avversario che le riprende subito dopo): noi giochiamo dicendo che il primo giocatore che ha passato non può passare di nuovo e deve quindi per forza giocare prendendo una carta. Se questo non è possibile (nel caso che tutti i Tris siano da iniziare e lui non ha monete) il suo avversario non può passare.

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.