Trans Europa & Trans America (2019)
Giudizio complessivo:
Autore: Delonge Franz Benno
Artista: Vohwinkel Franz
Editore: Ravensburger Spieleverlag GmbH
Numero giocatori: 2 - 6
Durata media: 60 minuti
Tipologia giocatori: Per tutti
Ambientazione: Collegare 5 città con ferrovie
Categoria: Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Motore: Carte
Uso di risorse varie, segnalini, pezzi speciali
Nomi alternativi: Trans Europa & Trans Amerika
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 3
Valutazione BBG
Voto: 0
Votanti: 0
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Prendendo in mano per la prima volta la scatola di TRANSEUROPA + TRANSAMERICA dobbiamo purtroppo constatare che è piena soprattutto di … aria e che i materiali si disperdono nel vuoto. Per fortuna un gioco si giudica dalla sua qualità e su questo non ci sono dubbi: la riedizione di questi due classici, riuniti in un’unica scatola, è veramente un’ottima occasione per mettere nella propria ludoteca un vero e proprio “classico” del gioco da tavolo.

Le regole sono poche e molto semplici da imparare e da insegnare: i giocatori scelgono quale mappa usare (Europa o Stati Uniti) e la mettono al centro del tavolo: ognuna di esse mostra 35 città divise in cinque diverse zone (colorate di giallo, rosa, blu, marrone e bianco) cui corrispondono altrettante carte. Una griglia “triangolare” è sovrapposta ad ogni mappa e serve per il piazzamento dei binari.

Ognuno prende un segnalino “marcapunti” (da mettere nella casella zero del relativo tracciato) mentre un secondo segnalino servirà come stazione di partenza: tutti ricevono anche cinque carte (una a caso per ogni area colorata) e, a turno, piazzano la loro stazione in un incrocio di linee della griglia sulla mappa.

Poi, sempre a turno, ognuno piazza uno o due binari, partendo inizialmente dalla sua stazione e poi da un qualsiasi binario sulla mappa che sia però collegato sempre alla sua stazione. Se il tratto di griglia è doppio (ponti, gallerie e traghetti) il giocatore deve spendere l’intera mossa per coprirlo con un binario: se tutti i binari sono “semplici” (pianura) il giocatore può posare due binari. È quindi vietato posare un binario semplice ed uno doppio.

I binari sono “di tutti” e se una linea si unisce ad un’altra ogni giocatore che può tracciare un percorso alla sua stazione di partenza può prolungare un qualsiasi ramo di quella “rete ferroviaria”, oppure creare nuove linee, effettuare incroci, ecc.

Lo scopo è quello di collegare fra loro le cinque città ricevute ad inizio turno: chi ci riesce per primo chiude la manche e riceve 4 Punti Vittoria (PV): gli altri giocatori contano quanti binari mancano a chiudere la loro rete (contando come 2 binari quelli doppi) e marcano i seguenti punti:

  1. – Se manca un solo binario: 3 PV
  2. – Se ne mancano 2-3: 2 PV
  3. – Se ne mancano 4-5: 1 PV
  4. – Se ne mancano 5 o più: 0 PV

Il primo che arriva a 13 PV vince la partita.

Commento

TRANS EUROPA & TRANS AMERICA è un gioco PER TUTTI, con un regolamento rapido da spiegare ed un meccanismo facile da utilizzare, tuttavia non è così "banale" come potrebbe sembrare in un primo momento.

La mossa più importante è probabilmente il piazzamento della propria base all'inizio del round: non essendo necessario metterla su una delle città indicate sulle proprie carte, spesso è molto meglio scegliere una città "baricentrica" fra vari obiettivi, sperando ovviamente di sfruttare il lavoro degli avversari per collegarsi rapidamente ad altre zone della mappa.

Nel piazzare i propri binari ricordarsi che è sempre meglio cercare di lasciare agli altri, se possibile, il compito di iniziare un nuovo percorso in modo da dedicarsi alla "chiusura" delle prime linee, salvo poi sfruttare le ferrovie già aperte per collegare le città rimaste indietro.

Spesso capita infatti che 3-4 città siano abbastanza raggruppate in una zona del tabellone da poterle raggiungere con una "normale" serie di binari. Nel frattempo qualcuno "potrebbe" essere partito anche nella direzione della nostra ultima città, piazzata in una posizione davvero periferica: con l'aiuto della linea costruita dall'altro pioniere il numero di binari da posare si ridurrà rapidamente.

L'errore più grosso che fanno i ... debuttanti è di piazzare la propria base ad una estremità del tabellone, magari solo perché alcune località sono abbastanza vicine fra loro: dopo pochi turni si renderanno conto che avranno lavorato soprattutto ... per gli altri, perdendo un sacco di tempo a posare binari per attraversare il tabellone che presto gli avversari si precipiteranno ad utilizzare non appena ci sarà il ricongiungimento.  

Consigliato a tutti, compresi i giocatori più giovani (purché qualcuno spieghi le regole e li aiuti nei primi turni), visto che una partita completa dura solo 40-45 minuti.

NOTA: per dare un po' di sale in più al gioco l’editore ha anche aggiunto una variante alle regole di base, utilizzando 19 carte "Speciali": all'inizio della partita il mazzo vgiene mescolato e messo (coperto) accanto al tabellone. Poi si scopre la prima carta che indica quale bonus sarà applicato per qulla manche: posare tre binari invece di due, cartare una carta obiettivo del colore indicato, cambiare una carta con gli altri giocatori, giocare con le carte obiettivo scoperte, ecc. Questa variante aggiunge un po' di aleatorietà al gioco ma lo rende certamente più divertente ed imprevedibile.  

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Trans Europa & Trans America, edito dalla Ravensburger, è la nuova edizione di questo ormai “classico” gioco di Franz-Benno Delonge: chi scrive lo utilizza regolarmente da oltre 15 anni, insieme ad una mezza dozzina di altri titoli, per invitare al tavolo nuovi giocatori a cui fare scoprire questo hobby.

Tra l’altro si tratta di uno dei pochi titoli che può essere giocato anche in 6 pur mantenendo una durata veramente breve (30-40 minuti), per cui è davvero ideale per attirare al tavolo anche ragazzini di 7-8 anni o per coinvolgere il resto della famiglia, compresi i più refrattari al gioco.

Le aspettative per una nuova riedizione, soprattutto dopo le critiche di “sbilanciamento” fatte alla vecchia versione di “Europa”, erano dunque molto alte: alla fine della recensione faremo naturalmente un’analisi comparativa fra la versione attuale e le due scatole della vecchia edizione, per scoprire cosa è cambiato.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
WIN The Game Journal 522-23-24 2018 Played for you 38 Recensione breve
Balena Ludens 2019-06-06 2019 Costruire reti ferroviarie ... in famiglia! Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.