Ticket to Ride Cities: 3 - Amsterdam (2020)
Giudizio complessivo:
Autore: Moon Alan
Artista: Daujean Cyrille
Delval Julien
Editore: Days of Wonder
Numero giocatori: 2 - 4
Durata media: 30 minuti
Tipologia giocatori: Da 8 anni
Ambientazione: Trasporti commerciali ad Amsterdam nel XVII# secolo
Categoria: Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Controllo Aree
Motore: Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 6
Fortuna: 2
Difficoltà: 2
Valutazione BGG
Voto: 7.1
Votanti: 742
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Probabilmente Ticket to Ride (con i suoi numerosi fratelli) è ormai il gioco moderno più venduto al mondo, o per lo meno si contende il primato con Coloni di Catan ed espansioni, ma in ogni caso è quello più “sfruttato” e copiato, visto che esistono decine (se non già centinaia) di adattamenti a ferrovie locali, metropolitane delle città più impensate, paesini sperduti, ecc.

Tuttavia il suo inventore, Alan Moon, continua a sfornare nuove espansioni (sotto l’egida della Days of Wonder) fra le quali ha preso piede una nuova serie di giochi molto semplificati, direi per debuttanti: dopo Londra e New York eccoci dunque ad Amsterdam con TICKET TO RIDE: AMSTERDAM ed una mini-mappa che riproduce solo il centro della città ed una parte della sua rete viaria, da Niuewe Waal a Blauwbrug e da De Drie Hendricken a Oude WaalIl disegno sulla scatola ci dice inoltre che l’ambientazione è spostata molto indietro, al XVII° secolo, con alcuni personaggi in abiti dell'epoca, ma invece di linee ferroviarie qui abbiamo a che fare con delle strade: ed infatti le miniature che useremo sono dei carretti con cui ci sposteremo da un quartiere all'altro.

Tutto qui è in formato “ridotto”; oltre alla mappa infatti i giocatori ricevono soltanto 16 carretti (invece delle solite 40-45 carrozze ferroviarie), due “biglietti” (al posto dei quattro abituali) e due carte “Trasporto”. Di conseguenza è ridotto anche il mazzo, con 8 Jolly (con carretto trainato a mano, cavallo e servente) e 36 carte nei colori verde, rosso, blu, arancione, nero e rosa (che riproducono vari mezzi di trasporto dell'epoca, dai barconi ai carretti).

La meccanica è quella ormai standard per la serie ed al proprio turno si può dunque:

  1. – Pescare due carte trasporto da aggiungere alla mano (dal mazzo o dalle 5 carte scoperte)
  2. – Giocare una o più carte trasporto dello stesso colore (con o senza Jolly) per costruire una linea mettendo un taxi del proprio colore su ogni casella.
  3. – Pescare due biglietti nuovi (tenendone almeno uno)

Come negli altri giochi della serie la partita termina quando un giocatore resta con soli 0-1-2 segnalini autobus: tutti eseguono allora l’ultimo turno e si passa al conteggio finale. Vince chi ottiene più punti.

Commento

L’intenzione di Alan Moon, nel preparare TICKET TO RIDE: AMSTERDAM e gli altri due titoli della serie che ho rinominato "metropoli", era molto probabilmente quella di mettere sul mercato un prodotto facilissimo da giocare, adatto a tutti e della durata di 20-25 minuti al massimo: se questo era lo scopo il risultato è stato effettivamente raggiunto. Il ridotto numero di miniature di taxi disponibili serve a tagliare notevolmente i tempi di gioco, oltre al fatto che le linee disponibile sono davvero poche: quindi anche un ragazzino di 8 anni o più è in grado di giocarci ed è possibile proporlo anche a tutta la famiglia o a persone semi-refrattarie al gioco di società.

L’unica novità che troviamo nella scatola è relativa alle "Merci Bonus”: sulla mappa ci sono infatti alcuni percorsi sui cui sono stampati dei carrettini: i giocatori incasseranno una carta "merce" per ognuno di questi percorsi da loro coperti. Alla fine della partita il giocatore con più carte "merci" guadagnerà 8 PV extra, mentre per il secondo, il terzo ed il quarto ci sono bonus minori. 

A fine partita si sommano i PV ottenuti costruendo vari tratti a quelli ottenuti soddisfacendo le richieste dei biglietti (per esempio il biglietto Jordaan-Munttoren vale 7 PV, mentre Oude Waal-Dam ne vale solo 4, ecc.) ed ai bonus per le Merci. A questo totale si deve però sottrarre il valore dei biglietti non completati.

Come scrivevo più sopra si tratta essenzialmente di un gioco per famiglie ed i giocatori esperti (compresi i fan dell’intera serie) non troveranno grande soddisfazione, tuttavia, dato anche il costo contenuto, sembra davvero ideale per un regalo un po’ più nuovo del solito.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Sempre alla ricerca di qualche cosa si nuovo per sfruttare la sua “gallina dalle uova d’oro” (il pluridecorato “Ticket to Ride”), Alan Moon decise di iniziare la produzione di giochi molto semplici e veloci da presentare ad una clientela familiare od occasionale: nel 2018 venne dunque pubblicato Ticket to Ride New York, il primo di quella che potremmo effettivamente considerare una nuova serie dedicata ai trasporti delle grandi Metropoli della Terra. Nel 2019 fu la volta di Ticket to Ride Londra (che abbiamo già recensito nel Dicembre del 2019) e l’anno successivo ecco arrivare Ticket to Ride Amsterdam, non più ambientato negli anni ’60 come i primi due, ma addirittura nel XVII° secolo. Chi fosse poi interessato ad una panoramica completa della serie può andare a leggersi l’articolo che le abbiamo dedicato nel Maggio 2021.  

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Balena Ludens 2021-06 2021 Viaggio nelle metropoli della terra attraverso il tempo e lo spazio 30 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.