Terraforming Mars (2016)
Giudizio complessivo:
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 4
Valutazione BGG
Voto: 8.43
Votanti: 65.848
Classifica: #4
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: A
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Siamo nel 2400 e le Corporazioni (i giocatori) inviate dalla Terra, iniziano un enorme progetto per consentire la vita su Marte, aumentandone la temperatura, creando bacini di acqua e un'atmosfera di ossigeno.

I giocatori iniziano la partita a TERRAFORMING MARS con una carta "Corporazione", che dà loro una somma in denaro e qualche abilità speciale, poi ad ogni turno ricevono quattro carte (10 nel primo turno) e con un sistema di "draft" ne scelgono una e passano le altre al vicino finché tutti non ne hanno di nuovo quattro (ma contrariamente al draft tradizionale qui si possono di nuovo scartare carte prese precedentemente).

A questo punto decidono quante tenerne in mano (da aggiungere poi a quelle rimaste dai turni precedenti) e pagano 3 “mega-crediti” per ognuna di esse. A turno, ed a rotazione, i giocatori eseguono due azioni o passano: se tutti i partecipanti passano consecutivamente il turno finisce e si procede con la produzione, basata sugli indici raggiunti nella propria scheda personale per mega-crediti, acciaio, titanio, piantagioni, energia e calore.

Le carte rappresentano dei "progetti" per realizzare qualcosa su Marte ed ognuna di esse, per essere giocata, ha un costo in mega-crediti e, a volte, deve soddisfare anche dei prerequisiti particolari (devono esserci X bacini acquiferi sulla mappa, oppure bisogna possedere X carte tecnologia, la temperatura deve avere raggiunto almeno X°C, la percentuale di ossigeno deve essere almeno X%, ecc.).

Una volta giocate, le carte assegnano dei bonus immediati, aumentano le capacità produttive, regalano punti vittoria per il conteggio di fine partita, fanno costruire città e, soprattutto, permettono di innalzare gli indici "Ossigeno" e "Temperatura" o fanno posare tessere "bacini d'acqua" sul tabellone. Quando i due indici sono arrivati al massimo e non ci sono più tessere acqua la partita finisce e si calcolano i Punti Vittoria (PV).

Commento

Ci sono vari modi per fare PV a TERRAFORMING MARS, ma l'assegnazione iniziale delle Corporazioni è molto importante per "guidare" i giocatori in una certa direzione e quindi per seguire una determinata strategia.

Innanzitutto è bene ricordare che con pochi mega-crediti non si potranno giocare le carte con i migliori "effetti", per cui nei primi turni è bene fare delle scelte oculate, preferendo i progetti che costano poco ma aumentano le capacità produttive, soprattutto nel campo delle "piantagioni" e del "calore".

Questo perché ogni tessera piantagione fa salire sia la quantità di ossigeno che il segnalino del giocatore sulla pista "Terra-formazione" aumentando così non solo i PV, ma anche la quantità di mega-crediti del turno successivo, mentre il calore fa innalzare la temperatura su Marte (e fa anch'esso avanzare di una casella sulla pista Terra-formazione).

Importanti anche le carte che permettono di costruire una città sul suolo marziano perché a fine partita vengono conteggiate sia per la "presenza" che per l'adiacenza a tessere piantagioni. Nella parte bassa del tabellone poi ci sono due aree "bonus": la prima assegna 5 PV ai primi tre giocatori che soddisfano una delle cinque possibili condizioni (avere 3 città su Marte, avere raggiunto 35 punti Terra-formazione, ecc.) e la seconda assegna 5 PV a chi ha la maggioranza in una delle cinque aree indicate (avere la più altra produzione di mega-crediti, avere il maggior numero di segnalini calore, ecc.) mentre il secondo classificato ne prende solo 2.

Chi ama dunque i giochi di "combo" e di gestione risorse sarà sicuramente soddisfatto dell'acquisto di Terraforming Mars.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Da oltre 50 anni Stati Uniti, Unione Sovietica, Europa e Giappone stanno inviando satelliti e sonde su Marte. Fino a pochi anni fa, solo un terzo di esse hanno potuto inviare dati attendibili ma le missioni che negli ultimi mesi hanno raggiunto il pianeta rosso hanno inviato migliaia di foto ed esaminato con laboratori automatici rocce e superficie. Marte non solo comincia a non avere più segreti ma è diventato anche una specie di star di social e tv. Nel 2174, anno in cui è ambientato il nostro gioco, tutte le difficoltà dei viaggi spaziali sono state risolte e l’uomo effettivamente sta dandosi da fare per riuscire a creare un’atmosfera “vivibile” sul pianeta (diciamo la verità il termine inglese “terraforming” è impagabile) perché la Terra è diventata ormai sovrappopolata ed è necessario trovare un’alternativa per qualche miliardo di persone. Ma siccome la fantascienza che si basa sull’umanesimo e quindi sulla visione positiva del futuro e dell’uomo è da anni ormai relegata al solo universo di Star Trek, a curare la terraformazione di Marte sono le grandi corporazioni (i giocatori), animate dalla logica del profitto.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Io Gioco 00 2017 ... Marte è la soluzione per evitare l'estinzione. 62 Pinchiroli Luca Recensione
Plato 98 2017 La belle rouge 14 Graveleau Lionel Recensione dettagliata
Plato 98 2017 Bien débuter 20 Graveleau Lionel Consigli di Gioco
Balena Ludens 2017-07 2017 C'è la vita su Marte: La portate voi! 10 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.