Scythe (2016)
Giudizio complessivo:
Grafica: 8
Regolamento: 7
Gradimento: 6
Fortuna: 1
Difficoltà: 4
Valutazione BBG
Voto: 8.29
Votanti: 37.450
Classifica: #7
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: A
Spielbox: A
Win Magazine: B

Descrizione

L'ambientazione di SCYTHE è basata su un universo "parallelo" ambientato negli anni 1920, post Grande Guerra. Cinque diversi Popoli lottano per la supremazia e cercano di raggiungere per primi la "Fabbrica" (l'ex Capitale ormai abbandonata) e per produrre ed utilizzare le risorse necessarie a potenziarsi e prevalere sugli avversari.

Ogni giocatore è munito di due plance personali: una specifica per il Popolo scelto (con delle caratteristiche uniche) ed una sulla quale verranno scelte le azioni. Queste ultime si dividono in "primarie" (con la possibilità di scegliere due diversi tipi di bonus) e "secondarie", ma costi e benefici sono assegnati in modo diverso da plancia a plancia.

Le azioni primarie sono:

  • Movimento (per spostare le unità sulla mappa, generando eventualmente incontri e/o combattimenti. In alternativa si possono incassare monete);
  • Supporto (per aumentare la propria "Potenza" militare o, in alternativa, guadagnare carte "Combattimento");
  • Commercio (pagando 1 moneta si possono acquistare due diverse riverse. In alternativa si guadagnano Punti Popolarità);
  • Produzione (per creare risorse nelle zone dove sono presenti i propri coloni.

Le azioni secondarie invece, previo pagamento di risorse o monete, permettono di effettuare:

  • Migliorie (per aumentare i benefici delle azioni primarie e ridurre i costi delle secondarie);
  • Costruzioni (per mettere sul terreno fino a quattro diversi edifici, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche);
  • Schieramento dei Mech (cioè delle unità da combattimento);
  • Reclutamento (per togliere fino a quattro segnalini "coscritto" dalla propria plancia, guadagnano nuovi bonus permanenti ed un bonus istantaneo).

I combattimenti avvengono fra unità Mech e/o Eroi e non sono troppo cruenti perché le unità del perdente vengono semplicemente ricacciate nella loro zona di origine e possono da lì ripartire nel turno successivo.

Ogni avversario ha a disposizione una "rotella" con la quale indica segretamente quanti dei suoi Punti Potenza intende spendere per combattere a cui si aggiungere i Punti Forza dati dalle carte Combattimento usate (una per ogni unità combattente).

Lo scopo finale è quello di essere il giocatore più ricco al termine della partita: questa finisce immediatamente quando un giocatore posa il suo sesto ed ultimo segnalino "Stella".

Queste "Stelle" si usano per indicare quando quel Popolo raggiunge uno dei 10 obiettivi indicati sul tabellone (vincendo due battaglie, avendo messo in campo gli otto coloni del proprio colore, avendo raggiunto un obiettivo fra i due ricevuti ad inizio partita, avendo posato i quattro edifici sulla mappa, ecc.). 

A questo punto si moltiplica il punteggio raggiunto dal proprio segnalino "Popolarità" (nell'apposita griglia) per il numero di stelle posate, il numero dei territori controllati e il numero delle risorse disponibili, aggiungendo al totale il valore delle monete rimaste in mano. Chi ha più soldi vince. 

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

A giudicare dagli oltre 50’000 like della pagina Facebook, la linea temporale alternativa immaginata e disegnata dl Jakub Rozalsky è molto più popolare di quanto non venga percepita alle nostre latitudini. In effetti questa ambientazione non manca di fascino, anche se quasi nulla del mondo a noi noto esiste in questa dimensione parallela. Siamo negli anni ‘20 e le ceneri della Grande Guerra ancora scuriscono la neve dell’Europa. La città-stato capitalistica, conosciuta semplicemente come “La Fabbrica”, aveva alimentato la guerra con armi sofisticate, ma ora è in declino e le sue tecnologie di avanguardia sono ormai del tutto indifese: sta per scatenarsi una corsa senza scrupoli per il controllo de “La Fabbrica”.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
ILSA Magazine 42 2016 Prime Impressioni 75 Pessina Francesco Recensione breve
Plato 96 2017 Star Système 12 Graveleau Lionel Recensione dettagliata
Plato 96 2017 Bien débuter à Scythe 15 Bonnard Vincent Consigli di Gioco
Spielbox 2017/3 2017 Alternative facts 32 Hardel Mathias Recensione dettagliata
WIN The Game Journal 507 2017 To become the Lord 10 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata
Io Gioco 01 2017 Guida strategica 34 Riva Filippo Consigli di Gioco

Commento

SCYTHE si presenta molto bena, con la sua mappa ben curata, le miniature degli Eroi e dei Mech, la plancia delle azioni formata da due strati di cartone con degli intagli per inserire i cubetti colorati, ecc.

Anche la meccanica è veramente ben "oliata" e non presenta pecche di rilievo. Il regolamento poi è un esempio di chiarezza, con tante foto e riquadri con esempi esplicativi.

Tuttavia a mio avviso gli manca un "quid" perché lo possa considerare un gioco da primi posti in classifica. L'interattività fra i giocatori è molto bassa e ci si combatte solo per cercare di posare un paio di "Stelle" (con l'esclusione del Popolo nero che deve fare della sua combattività un'arma in più).

La maggior parte del tempo è utilizzata dunque per concatenare al meglio le varie azioni: produrre o comprare risorse che poi serviranno per fare anche le azioni "secondarie" in modo da accelerare la costruzione delle unità da guerra con le quali accompagnare e proteggere i coloni in nuove zone del territorio.

Una volta messe in campo truppe e coloni in numero sufficiente si può iniziare a costruire gli Edifici e reclutare i coscritti per cercare di arrivare a posare altre due stelle. Infine bisogna puntare a far salire il proprio segnalino sulla scala della popolarità in modo da avere moltiplicatori più forti.

Solo quando si gioca in cinque espandersi sul territorio può diventare più difficile perché prima o poi si arriva a ridosso dei territori nemici e per ingrandirsi ancora occorre prima ... sgombrarli.

Intendiamoci, SCYTHE è davvero ben fatto, perfettamente rodato e piacevole da giocare ma, sempre a mio parere, gli manca qualcosa per essere considerato un "capolavoro". 

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.