Pandemic (2007)
Giudizio complessivo:
Autore: Leacock Matt
Artista: Cappel Joshua
Moulun Régis
Editore: Z-Man Games
Numero giocatori: 2 - 4
Durata media: 60 minuti
Tipologia giocatori: Da 10 anni
Ambientazione: Combattere epidemie in tutto il mondo
Categoria: Cooperazione
Meccanica: Controllo Aree
Motore: Carte
Espansioni: Pandemic: On the Brink
Pandemic: State of Emergency
Pandemic: In the Lab
Nomi alternativi: Pandémie
Pandemia
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 4
Valutazione BGG
Voto: 7.6
Votanti: 104.727
Classifica: #103
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Quando PANDEMIC venne pubblicato nel 2008 sollevò una incredibile serie di discussioni fra chi criticava la scelta di “giocare” su un tema così delicato e chi entusiasticamente approvava sia l’argomento che la meccanica: si tratta di un cooperativo puro abbastanza semplice da essere imparato facilmente, ma al contempo sufficientemente complesso (se si vuole battere il sistema) da richiedere una grande attenzione da parte di tutti. Il suo successo immediato ha poi portato alla pubblicazione di una lunga serie di espansioni ma il sottoscritto (che non è un gran fan dei giochi cooperativi) ha acquistato solo la prima (On the Brink) che completava perfettamente la scatola di base.

Dopo aver steso il tabellone sul tavolo i giocatori si suddividono i “ruoli” (Medico, Ricercatore, Scienziato, Spedizioniere ed Esperto Operativo) e prendono alcune carte “Luogo” in mano. Le restanti carte vengono divise in mazzetti e in ognuno si inserisce una carta “Epidemia”. Le carte “Diffusione delle Epidemie vengono messe sul tabellone nello spazio apposito.

I turni hanno sempre la stessa struttura, ed ogni giocatore può:

  1. -  Eseguire fino a 4 azioni: muovere il suo pedone (con vari mezzi), costruire un centro ricerche, scoprire una cura, trattare una malattia (per ridurne l’influenza), guarire completamente una malattia, scambiare carte con gli altri, ecc.
  2. – Pescare due nuove carte da aggiungere alla sua mano: fra esse ci sono delle carte “Evento” che possono aiutare l’equipe, ma ogni mazzetto ha anche una carta Epidemia che fa salire il livello della pandemia;
  3. – Pescare carte “Diffusione dell’Epidemia” il cui numero dipende dal livello di infezione raggiunto in quel momento: ogni carta mostra una città e su di essa va aggiunto un cubo dello stesso colore della carta (giallo, rosso, blu o nero). Se su una città viene posato il QUARTO cubetto l’epidemia scoppia e si propaga a tutte le città collegate, con la possibilità di farne esplodere altre… a catena.

I giocatori devono concordare ad ogni turno come “muoversi” e quali obiettivi raggiungere per primi: il loro scopo è quello di tenere le varie epidemie sotto controllo (eliminando cubi nelle città che ne hanno già troppi) per evitare che esse “esplodano”, ma accumulando nel frattempo le carte necessarie per stroncarle definitivamente. Questo avviene se viene scoperto il “vaccino” per ognuna delle quattro malattie (gialla, rossa, blu e nera).

In tal caso il Gruppo vince la partita e magari può ripartire aumentando un po’ il livello di difficoltà. La partita invece è persa se:

  1. – Non ci sono più cubi del colore richiesto da una carta epidemia;
  2. – Scoppia l’ottava epidemia;
  3. Il mazzo delle carte “Luogo” si esaurisce.

Commento

La prima cosa da decidere giocando a PANDEMIC è il livello di difficoltà: nel gioco base questa decisione consiste nel preparare un diverso numero di mazzetti “Luogo”: 4 per il gioco di livello facile, 5 per quello intermedio e 6 per il difficile. Questo significa che ci saranno 4-5-6 carte “Epidemia” nel mazzo da cui i giocatori pescano le loro carte e che quindi il livello della pandemia si innalzerà più in fretta.

La seconda indispensabile azione è la riunione fra i giocatori all’inizio di ogni turno, quando bisogna concordare “chi” fa “cosa” e “dove” in modo da ottenere la massima efficienza e ridurre il più rapidamente possibile la consistenza delle malattie nelle varie città: e qui i ruoli assumono una grande importanza:

  1. – Medico: Elimina tutti i cubi di una città (e non solo uno per azione utilizzata come accade agli altri membri del gruppo);
  2. – Ricercatore: può “passare” le sue carte ad un altro giocatore che si trova nella

sua stessa città. Questo permette di trovare più rapidamente la cura ad ogni malattia;

  1. – Scienziato: Scopre la cura di una malattia con sole 4 carte (invece delle cinque necessarie agli altri) purché siano ovviamente tutte dello stesso colore;
  2. – Spedizioniere: può muovere un qualsiasi pedone sul tabellone come se fosse il suo;
  3. Esperto delle Operazioni: permette di costruire un centro di ricerca nella città in cui si trova e da lì può spostarsi in una qualsiasi città giocando una carta con quel nome.

È dunque chiaro che non si può giocare a caso ma che ognuno deve specializzarsi nel suo ruolo ed essere mandato dove può ottenere i migliori risultati: il medico dovrà raggiungere le città con maggiori infezioni per eliminare tutti i cubi ed impedire che l’epidemia esploda e si propaghi; lo scienziato sarà solitamente quello a cui il ricercatore passerà le carte necessarie a debellare una epidemia; lo spedizioniere accelererà i movimenti dei personaggi verso i luoghi più in pericolo, ecc.

L’unico “neo” di questo gioco è che si presta alla nascita del cosiddetto “giocatore alfa”, cioè di colui che si arroga il diritto di decidere le azioni di tutti impartendo i suoi ordini: questo può anche funzionare in un gruppo che accetta questa attitudine, ma se fra i partecipanti c’è qualcuno a cui piace una maggiore indipendenza si può arrivare anche allo scontro e rovinare così a tutti la partita. Il bello di questo titolo è infatti proprio il momento in cui TUTTI INSIEME si fanno delle proposte per il turno che sta per cominciare e si arriva ad una strategia comune che permette a ciascun partecipante di concentrarsi sul suo ruolo e sul come ottenere l’obiettivo che gli è stato assegnato.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

“Pandemic” (questo il nome originale) è un gioco “card driven” edito dalla Zman Games di enorme successo, che in cinque anni ha venduto centinaia di migliaia di copie ed è stato tradotto in ben 14 lingue. Non manca l’ottima localizzazione in italiano ad opera di Asterion Press, dal titolo “Pandemia: Una Nuova Sfida”. Visto che i consensi si moltiplicavano con la stessa incredibile velocità con cui si si diffondono le pandemie all’interno del gioco, è uscita, ad inizio 2013,  la seconda edizione. A testimonianza della bontà del progetto iniziale, non sono state introdotte novità nelle regole. Sono stati inseriti 2 nuovi personaggi ed è stato ridisegnato completamente il layout grafico, ora ad alto budget e molto moderno. Il rapporto prezzo/qualità dei materiali è davvero buono.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
ILSA Magazine 23 2013 Giochi a confronto 18 Di Marco Mauro Recensione dettagliata
ILSA Magazine 06 2009 Dialoghi di gioco 8 Cappelleri Fortunato Recensione dettagliata
WIN The Game Journal 437 2012 Hugo Kastner Recommends 35 Kastner Hugo Articolo di carattere generale
WIN The Game Journal 458 2013 Played for you 27 Recensione breve
Io Gioco 10 2019 Classici Moderni 36 Fregoso Marco Recensione breve

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.