New York Zoo (2020)
Giudizio complessivo:
Autore: Rosenberg Uwe
Artista: Wermke Felix
Editore: Feuerland Spiele
Cranio Creations
Numero giocatori: 1 - 5
Durata media: 60 minuti
Tipologia giocatori: Da 8 anni
Ambientazione: Creare uno zoo e gestirne spazi, animali ed attrazioni
Categoria: Percorso
Meccanica: Scambio risorse
Motore: Tessere
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 2
Difficoltà: 3
Valutazione BGG
Voto: 7.32
Votanti: 1.833
Classifica: #1138
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: C
Spielbox: C
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Quando nel 2014 Uwe Rosenberg pubblicò il suo “Patchwork”, un gioco in cui tutti dovevano prendere delle tessere sagomate alla “Tetris” ed inserirle in una plancia quadrettata per cercare di riempirla, iniziò una vera e propria caccia ad argomenti nuovi in cui applicare questo meccanismo, e dopo 6 anni possiamo quindi contare almeno su una ventina di titoli e una dozzina di autori diversi. NEW YORK ZOO si aggiunge alla lista e l’autore è proprio lo stesso Uwe, il quale ha fortunatamente aggiunto un nuovo elemento alla meccanica di base, rendendo questo titolo molto più interessante di tanti altri.

Abbiamo anche qui un tabellone “bizzarro” formato da una lunga striscia di cartone con 25 postazioni (o caselle, se preferite) e 5 speciali barre di “riproduzione”: ogni postazione senza disegno riceverà al set-up 3 diversi tipi di tessere “recinto per animali” (polimini di 4-5-6-7 quadretti disposti in varie forme) soprapposte le une alle altre (quelle più grandi in alto, mente le ultime di ogni “pila” saranno le più semplici). Le altre caselle mostrano invece il disegno di due animali. Altre 32 tessere regolari (da 1 a 8 quadretti) sono messe in riserva e costituiscono le “attrazioni” dello Zoo. 

Ho detto Zoo? Già, ed infatti nella scatola troviamo 126 segnalini di legno colorato a forma di animale suricati, fenicotteri, canguri, pinguini e volpi artiche, oltre ad un Elefante che servirà per determinare la propria azione. Ogni giocatore riceve una plancia personale, con una griglia quadrettata al suo interno (lo Zoo), e due animali da ospitare nelle casette disegnate subito di fianco. Scopo del gioco è essere i primi a riempire completamente la griglia con recinti ed attrazioni.

Al suo turno bisogna muovere l’elefante di 1-4 postazioni ed in base alla sua posizione finale eseguire una delle seguenti operazioni: 

  1. – Se si trova in una postazione con dei recinti si deve prendere quello più in alto e posizionarlo sulla sua griglia, spostando su di esso fino a due animali;
  2. – Se si trova su una casella con il disegno di due animali (sempre diversi) si prendono i relativi segnalini dalla riserva e si posizionano in un recinto dello zoo personale (vuoto o contenente altri animali dello stesso tipo) o nelle casette libere.
  3. – Se infine durante il movimento l’elefante supera una barra delle “riproduzioni” TUTTI i giocatori fanno nascere 1 bebè in 1-2 recinti che contengono almeno due animali del tipo disegnato sulla barra.

Quando un recinto viene riempito completamente tutti gli animali ritornano nella riserva ed il giocator sceglie una delle tessere “attrazione” da aggiungere immediatamente alla sua griglia. Come ho già detto vince la partita il primo che la riempie completamente.

Commento

Da quanto ho scritto nella descrizione di NEW YORK ZOO si deduce che bisognerebbe cercare di accaparrarsi il maggior numero di tessere nel più breve tempo in modo da completare la griglia per primi. In teoria questa sarebbe la strada giusta, ma è praticamente impossibile riuscire a scegliere sempre le tessere giuste per “chiudere” tutti i buchi che si formano quando non si incastrano perfettamente con quelle precedenti. Resteranno quindi quasi sempre alcuni spazi piccoli (1-2-3 quadretti) che non sarà possibile chiudere con un recinto (perché i più piccoli sono di 4 caselle).

Ecco perché è necessario utilizzare a questo scopo le attrazioni piccole (da 1-2-3 quadretti) con le quali si possono chiudere i buchi. Ricordo che queste attrazioni possono essere prese riempiendo i recinti con animali dello stesso tipo, ma anche qui c’è il dilemma: prendere le tessere più grandi per riempire più facilmente la griglia, ma perdendo molto più tempo a popolarle con animali dello stesso tipo, oppure usare le più piccole disponibili per riempirle più volte e prendere più attrazioni?

Come sempre la risposta dipende soprattutto dalla situazione tattica: al proprio turno è necessario guardare bene dove si trova l’elefante e quali sono le tessere (e le caselle animale) delle 2-4 postazioni che ha davanti. Per ogni animale esiste una sola barra di “riproduzione” e quando l’elefante la supera tutti possono aggiungere un segnalino ad 1-2 recinti che ne contengano altri dello stesso tipo, dunque è bene avere sempre almeno una coppia di bestiole del tipo che si riprodurrà a breve per non … andare in bianco.

Avere più recinti dedicati allo stesso tipo di animale è sicuramente un vantaggio quando devono riprodursi ma, soprattutto ad inizio partita, non è consigliato: meglio avere magari solo un paio di recinti, ma entrambi con almeno una coppia diversa di animali, e puntare a chiuderli il più in fretta possibile per ottenere le attrazioni più grandi. Poi, a metà partita, si potrà puntare su 3-4 specie diverse, in recinti separati, in modo da avere il maggior numero di “nascite” durante le riproduzioni.

Non fate però l’errore di lasciare contemporaneamente vuoti troppi recinti durante la partita perché vi ritroverete in difficoltà: non solo vi toccherà perdere un sacco di tempo per fermarvi sulle caselle degli animali e cominciare a ripopolare i recinti, ma perderete anche per parecchi turni tutti i bonus che verranno attivati. Nel corso della partita sarete quasi certamente costretti a creare qualche buco di 2-3 caselle sulla vostra griglia: non aspettate la fine per procuravi le necessarie attrazioni perché verso quando arriverà quel momento molte di esse saranno esaurite e vi toccherà procedere a passo di lumaca per tappare i buchi usando solo le tessere da 1 quadretto. Ricordate: riempire una recinzione vi fa prendere una ed una sola tessera attrazione, sia essa di 8 quadretti o di 1 soltanto.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Uwe Rosenberg fece un terno al lotto nel 2014, quando fu pubblicato il suo Patchwork, perché da allora non si contano più i titoli di cui è autore che utilizzano il meccanismo di “Tetris” (Cottage Garden, Feast for Odin, Indian Summer, Second Chance, ecc.): per questo quando abbiamo ricevuto New York Zoo ed abbiamo aperto la scatola, trovando le “solite” plance dei giocatori con una griglia a quadretti e delle fustelle piene di “polimini” di cartone, ci sono un po’ cascate le braccia.

Poi però abbiamo scoperto che nella confezione c’erano più di 100 graziosi animaletti di legno colorato ed abbiamo cominciato a dubitare della nostra prima sensazione, passando immediatamente alla lettura del regolamento. I successivi test con gli amici ci hanno definitivamente conquistato ed eccoci qui a raccontare come funziona questo gioco per 1-5 partecipanti di età uguale o superiore ad 8 anni, edito in Italia da Cranio Creations, che può durare, mediamente, 45 minuti, quindi perfettamente adatto per iniziare una serata di gioco (Covid 19 permettendo) o prendersi immediatamente una rivincita.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Balena Ludens 2020-12 2020 Prime Impressioni 24 Cremona Pietro (Leggi) Recensione breve
Balena Ludens 2021-01 2021 Miscelate due parti di Tetris ed una di zooloretto ... 18 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata
Io Gioco 19 2021 I polimini di Rosenberg sono una garanzia 68 Ferrarini Mauro Recensione dettagliata
Plato 132 2021 Une pomme de discorde 42 Ka Hrim Recensione
ILSA Magazine 60 2021 Prime impressioni 33 Gheri Lorenzo Recensione breve
Spielbox 2021/2 2021 "Zoo-"ologistics 36 Wieland Herold Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.