Namiji (2022)
Giudizio complessivo:
Autore: Bauza Antoine
Artista: Guennifey Durin Xavier (Naiade)
Editore: Funforge
Mancalamaro
Numero giocatori: 2 - 5
Durata media: 45 minuti
Tipologia giocatori: Da 8 anni
Ambientazione: Andare a pesca nelle acque del Giappone
Categoria: Astratto
Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Piazzamento lavoratori
Motore: Combinazione di Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 1
Difficoltà: 3
Valutazione BGG
Voto: 7.08
Votanti: 587
Classifica: #3456
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Chi ha giocato a “Tokaido” (stesso autore e stesso artista) si troverà certamente a suo agio nell’aprire la scatola di NAMIJI, che è ambientato anch’esso in Giappone, ma questa volta l’autore ha scelto è il mare ed i giocatori si devono calare nei panni di marinai che, al timone della loro giunca, salpano di buon mattino per andare a pesca.

Il tabellone mostra un percorso circolare diviso in quattro sezioni (che terminano tutte in un porto) con una serie di “cerchietti” neri al posto delle solite caselle, alcune delle quali sono “doppie” (nel senso che vi si possono fermare due giunche) mentre la maggioranza accetta una sola pedina: il giocatore con la giunca più indietro sul percorso è il primo a muovere e può avanzare di un numero qualsiasi di caselle, senza mai fermarsi in una postazione già occupata.

Poi esegue l’azione della casella in cui si è fermato: può allora pescare un “gettone” pesce (da prendere da una riserva “coperta” per metterlo in una casella della griglia “giunca” in suo possesso); oppure prendere una carta “grande pesce” (Delfino, Piovra o Balena); o una carta “Roccia” (che rappresenta degli obiettivi da raggiungere); o una tessera “Rete” (che raffigura DUE pesci dello stesso tipo e colore, da aggiungere alla griglia); o fare un’offerta al Dio del mare (ognuno ha sulla plancia quattro gettoni “offerta” e se non riuscirà a liberarsene prima della fine della partita avrà un certo numero di punti di penalità); infine si può andare a pesca di gamberetti e/o granchi.

Arrivando ad un porto intermedio i giocatori devono scegliere la posizione di partenza per il tratto successivo: chi si mette per primo raccoglie delle carte “Porto”, ne sceglie una e passa quelle che restano al secondo, che fa altrettanto e così di seguito fino all’ultimo: questo però sarà poi il primo a muovere e potrà così scegliere la casella che più gli serve. Arrivando al porto finale ognuno ottiene un certo numero di Punti Vittoria (PV) premio (7-5-3-2-1 rispettivamente al primo arrivato, al secondo, ecc.), poi si effettua il conteggio finale dando la vittoria a chi ottiene il totale più alto.

Commento

Anticipiamo subito che giocando a NAMIJI bisogna fare subito una scelta sulla strategia generale da seguire perché è davvero impossibile avanzare in tutti i “campi” in maniera da ottenere molti PV da ognuno di essi. La strategia più comune è riempire di gettoni o tessere la propria griglia, sapendo che ogni riga (e ogni colonna) che contiene pesci uguali o dello stesso colore aggiunge punti al totale finale: 5-7-9 PV per le righe e 3-4-5-6 PV per le colonne. Sapendo che normalmente si riescono a chiudere correttamente un paio di righe e tre colonne potremmo contare su una media di 25-30 PV.

L’altra strategia più adottata è quella di raccogliere le carte dei grandi pesci per ottenere un “quadro” completo, composto da tre carte per i “delfini” (valore totale 1+2+3= 6 PV), di quattro per le “piovre” (valore 1+2+3+4=10 PV) e di cinque per le balene (valore 1+2+3+4+5=15 PV). Come si vede riuscire a completare tutti e tre i “quadri” può far guadagnare 31 PV.   

Andare a pesca di gamberetti significa pescare ogni volta “a caso” da un sacchetto fino a 5 gettoni (inizialmente ci sono 30 gamberetti e 20 granchi): se si pesca un gamberetto va tutto bene, ma se peschiamo un granchio c’è il rischio di perdere tutti i gettoni raccolti fino a quel momento se, proseguendo la pesca, salta fuori un secondo granchio.

Infine ci sono i PV da guadagnare completando gli obiettivi (Carte “Roccia”) o mostrando carte bonus prese ai porti intermedi. Si tratta dunque di un gioco abbastanza leggero e di durata limitata, adatto a partite in famiglia e con gli amici, oppure per completare una serata dopo aver fatto qualcosa di più impegnativo.

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.