Modern Art (2021) (2021)
Giudizio complessivo:
Autore: Knizia Reiner
Artista: De Castro Fabio
Editore: Asmodée
Cool Mini Or Not (CMON)
Numero giocatori: 3 - 5
Durata media: 45 minuti
Tipologia giocatori: Da 10 anni
Ambientazione: Fare delle Aste per acqustare caolavosri di arte moderna da rivendere ai musei.
Categoria: Carte Speciali
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Motore: Aste
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 1
Difficoltà: 3
Valutazione BGG
Voto: 0
Votanti: 0
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

I giocatori di MODERN ART sono i direttori di alcune delle più famose gallerie d’arte del mondo e devono cercare di commerciare tele di pittori famosi in modo da accumulare grossi guadagni e far salire le quotazioni degli artisti di cui hanno acquistato le opere. Per fare questo hanno a disposizione un mazzo di 70 carte con la riproduzione delle opere di cinque diversi artisti (Manuel Carvalho, Sigrid Thaler, Daniel Melim, Ramon martins e Rafael Silveira).

All’inizio della partita ogni giocatore riceve 100.000 dollari (in tessere “banconota” da 1-3-10-20-50-100 dollari)) e 9 carte: ognuna di queste ultime, oltre al nome dell’artista, mostra una delle sue opere ed aggiunge una “icona” speciale per regolare il tipo di asta da eseguire nel caso che quell’opera venga venduta.

Al loro turno i giocatori scelgono una delle carte in loro possesso e la mettono all’asta secondo le modalità indicate sulla carta stessa, e cioè:

  1. – Asta aperta: i giocatori puntano soldi come in una normale asta finché non resta in gioco uno solo di loro che si aggiudica il quadro e paga il montante offerto al giocatore che aveva messo l’opera all’asta. Se nessuno fa un’offerta l’opera resta all’offerente a costo zero;
  2. – Asta a giro unico: al suo turno ogni giocatore fa una “puntata” unica (che non potrà quindi più essere cambiata in seguito). Il quadro va dunque a chi ha fatto l’offerta più alta;
  3. – Asta al buio: ognuno prende in mano un certo numero di tessere “banconota” senza mostrarle agli altri: poi tutti aprono il pugno e chi ha fatto l’offerta più alta si prende il quadro. Anche qui il denaro va a chi ha messo la carta all’asta, ma se è lui a vincerla i soldi tornano alla Banca;
  4. – Asta a prezzo fisso: il venditore offre un quadro ad un prezzo che gli conviene: il primo giocatore che accetta il prezzo prende il quadro. Se nessuno lo vuole il giocatore offerente versa alla banca il montante richiesto e tiene la carta;
  5. – Asta doppia: il giocatore aggiunge una seconda carta alla prima (purché sia dello stesso artista e non sia un’altra asta doppia) e lancia un’asta per entrambe (del tipo indicato dalla seconda carta).

Terminata la prima sessione di aste (quando sono state messe all’asta cinque carte dello stesso artista) se ne eseguono altre tre con le stesse modalità, ma distribuendo solo quattro carte per la seconda e la terza e nessuna per la quarta, da aggiungere a quelle rimaste in mano dalla sessione precedente. Al termine dell’ultima stagione i giocatori rivelano il denaro accumulato e chi ha più soldi vince.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Nel 1992 la ditta Hans im Gluck pubblicò il gioco Modern Art di Reiner Knizia in una piccola scatolina formato quasi tascabile, poi ripresa dalla Mayfair nella edizione successiva. Nel 2021 CMON e Asmodée Italia ci ripresentano l’ennesima versione del gioco in una nuovissima confezione (sempre per 3-5 giocatori di 10 anni o più) in cui sono state utilizzate opere d’arte di nuovi pittori contemporanei: Daniel Melim (brasiliano trapiantato a Londra), Manuel Carvalho (brasiliano), Rafael Silveira (brasiliano), Ramon Martins (brasiliano) e Sigrid Thaler (italiana di Vipiteno).

La grande novità di Modern Art è nel suo manuale: non fatevi impressionare dalle sue 28 pagine di testo in formato 240×240 mm perché in realtà le regole occupano appena 4 pagine (riccamente illustrate) ed il resto serve a presentare gli artisti scelti e le opere che sono state raffigurate sulle carte, in una esplosione di colori, proprio come fosse il “catalogo” di una galleria. Un applauso per questa scelta coraggiosa.  

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Balena Ludens 2021-09 2021 Un "classico" gioco di aste riproposto con tema moderno 6 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.