Dig Your Way Out (2019)
Giudizio complessivo:
Autore: Simide David
Artista: Dimitrievski Mihajlo
Editore: Borderline Editions
3 Emme Games
Numero giocatori: 2 - 6
Durata media: 60 minuti
Tipologia giocatori: N.D.
Ambientazione: Fuga di detenuti dal carcere
Categoria: Esplorazione
Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Lanciare Dadi e Muovere
Scambio risorse
Motore: Combinazione di Carte
Uso di risorse varie, segnalini, pezzi speciali
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 6
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 3
Valutazione BGG
Voto: 7.37
Votanti: 572
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

In DIG YOUR WAY OUT i giocatori devono immedesimarsi nei detenuti di un penitenziario e cercare di trovare il modo di evadere, scavando un tunnel con qualsiasi strumento sia possibile trovare o costruire, magari rubandolo a qualche compagno di cella dopo averlo malmenato.

Il tabellone rappresenta la prigione ed è diviso in varie zone: l’area con le celle (da cui tutti partiranno all’inizio del gioco), la sala dei servizi igienici, l’infermeria, la sala da pranzo, il cortile e la cella di isolamento. Ogni zona (escluso l’isolamento dove si viene mandati solo da alcune carte) è caratterizzata da 2 o 3 numeri di dado D6 e da un valore di “ricerca” (da 1 a 3).

Nel cortile inoltre è possibile vendere oggetti (in cambio di sigarette, che sono la “moneta” del gioco) o acquistare armi (pugnali) o strumenti (piccone e pala), mentre nel refettorio si possono rubare dei cucchiai (che permettono comunque di scavare …). Accanto al tabellone vengono piazzate sei pile di carte GANG alle quali i detenuti possono affiliarsi durante la partita per ottenere dei vantaggi.   

Tutti partono con tre carte “ricerca” ed una carta “Precedenti” (che regala un bonus istantaneo quando svelata) ed al loro turno hanno DUE azioni a disposizione, da scegliere fra:

  • Cercare: cioè prendere dal mazzo il numero di carte indicato in quell’area (1-3):
  • Muovere: lanciando un dado “D6” e spostando il detenuto in una stanza con quel numero. È anche possibile andare dove si vuole spendendo però entrambe le azioni e senza tirare il dado;
  • Affiliarsi ad una gang: pagando il numero ed il tipo di carte “ricerca” richiesto e prendendo la prima carta del mazzo della banda scelta;
  • Giocare una carta “azione” eseguendo quanto indicato;
  • Estorcere con la forza un oggetto ad un altro detenuto: in questo caso il “bullo” gioca un’arma e chiede un oggetto all’avversario (pala, piccone o cucchiaio) e quest’ultimo può accettare (dando la carta richiesta) o rifiutare iniziando un combattimento. Perde chi resta senza armi e si prende un gettone “pestaggio” che riduce le sue azioni fino a che non passa in infermeria per farsi curare;
  • Costruzione di uno strumento: scartando certe carte si possono costruire un piccone o una pala o due coltelli;
  • Scavare: si può eseguire solo nell’area delle celle, dove si giocano le carte strumento per fare Punti Vittoria (1 PV per il cucchiaio, 2 PV per il piccone e 3 PV per la pala);
  • Curarsi: per ogni azione spesa in infermeria si toglie un gettone pestaggio;
  • Rubare un cucchiaio: per ogni azione in mensa si prende una carta cucchiaio:
  • Vendere: alcune carte contengono oggetti che possono esser venduti nel cortile per “x” sigarette;
  • Comprare: sempre nel cortile si possono acquistare, pagando sempre in sigarette, coltelli, picconi e pale. 

Il giocatore che raggiunge per primo “x” PV (12 se si gioca in due o tre, 10 in quattro e 8 in cinque o sei) vince la partita.

Commento

DIG YOUR WAY OUT è un gioco abbastanza interattivo, non solo per le azioni di intimidazione e pestaggio, ma anche e soprattutto per cercare di evitarle andando per primi alla ricerca delle armi (coltelli e lamette) in modo da scoraggiare eventuali tentazioni bellicose degli avversari.

Il gioco è naturalmente basato sulla ricerca delle carte giuste con cui effettuare azioni di affiliazione alle gang o di costruzione di strumenti per scavare: non dimentichiamo che lo scopo è quello di accumulare abbastanza carte “scavo” da raggiungere o superare il numero richiesto (12-10-8) in base ai partecipanti. Tuttavia non è possibile avere più di 8 carte in mano e le più ambite inizialmente sono quelle che permettono di vendere oggetti in cambio di sigarette per accumulare un tesoretto con cui acquistare picconi (6 sigarette) o pale (8 sigarette).

Il secondo modo per procurarsi questi due strumenti è l’utilizzo di certe carte da abbinare insieme (corda più oggetto acuminato per il piccone oppure corda e vaschetta per la pala): in questo caso non si spendono sigarette (ma si mettono le carte negli scarti). Con corda e lamette poi si possono costruire dei “coltelli artigianali” da utilizzare per minacciare gli avversari.

Il combattimento è molto semplice: gioco una carta “arma” davanti ad un avversario che si trova nella mia stessa area, poi gli chiedo uno strumento (cucchiaio, piccone o pala). Se lui me lo dà spontaneamente tutto finisce qui, altrimenti anche lui deve rispondere con un’arma, io devo giocarne un’altra e così via finché uno dei due non vuole o non può più giocarne. Il perdente deve ora dare la carta richiesta al vincitore (se non la possiede il vincitore gli prende una carta a caso) e subisce 1 pestaggio (mettendo il relativo gettone davanti a sé) da curare andando in infermeria.

Il regolamento prevede anche la possibilità di giocare in due squadre (utilizzando la prigione stampata sul retro del tabellone) oppure di aggiungere le regole per il “classico” detenuto attaccabrighe che si vede in ogni film del genere: nel nostro caso si chiama “Michel” (o Michelle se scegliamo un personaggio femminile) e viene mosso da ogni giocatore (tirando il dado e scegliendo la destinazione) al termine del suo turno. Non appena arriva in un luogo Michel immediatamente minaccia uno dei detenuti che vi si trova e si inizia il combattimento utilizzando per il “bullo” un apposito mazzo di carte: se esce un coltello il giocatore deve scartare uno strumento o rispondere con un’arma e così via finché non appare una carta “vuota” di Michel che interrompe il combattimento.

Un gioco divertente ma abbastanza soggetto ai capricci della sorte (visto che molto dipende dalle carte raccolte), su un argomento raramente affrontato sui nostri tavoli.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Finalmente un argomento un po’ diverso dal solito: in Dig Your Way Out (distribuito in Italia da 3 Emme Games) i giocatori (da 12 anni in su) impersonano infatti da 2 a 6 detenuti all’interno di una prigione e devono cercare di scavare un tunnel per evadere. La durata è abbastanza ridotta (45-50 minuti circa) ed il regolamento, tutto sommato, è semplice da studiare e da applicare: basta una prima lettura con il gioco pronto sul tavolo per rendersi conto di come funzionerà il tutto.

Una certa aleatorietà è comunque da tenere in conto, come sempre quando un gioco viene gestito con le carte, ma qui c’è un altro elemento casuale: un dado da utilizzare per verificare gli spostamenti dei detenuti all’interno del carcere.

Il gioco è comunque divertente, ed il fatto che le “monete” da utilizzare siano costituite da delle tessere lunghe e strette a forma di sigaretta aggiunge un elemento di divertimento in più.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Balena Ludens 2020-04 2020 Passatemi quel piccone, maledetti lavativi!!! 20 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.