Celestia (2015)
Giudizio complessivo:
Autore: Weissblum Aaron
Artista: Noir Gaétan
Editore: Blam !
Ghenos Games
Heidelberger Spieleverlag
Numero giocatori: 2 - 6
Durata media: 45 minuti
Tipologia giocatori: Per tutti
Ambientazione: Esploratori su Aeronave che commerciano con le città volanti di Celestia.
Categoria: Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Rischiare con dadi-carte-ecc.
Motore: Carte
Dadi
Espansioni: Celestia : A Little Help
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 4
Difficoltà: 3
Valutazione BBG
Voto: 7.04
Votanti: 5.803
Classifica: #619
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

La piccola scatola di CELESTIA contiene tutto il necessario per una divertente partita che mescola furbizia ed azzardo, ma soprattutto deve creare confusione al tavolo. Prima di partire però servono una decina di minuti per assemblare l’aeronave ad elica con gli appropriati pezzi di cartone da de-fustellare: poche gocce di colla è non ci sarà più bisogno di smontarle rimontarle perché si può inserire senza problemi nella scatola.

Il “tabellone è costituito da 9 tessere “ovali” che rappresentano le città di Celestia (tutte rigorosamente sospese nel cielo) e che vengono messe in fila partendo da quella col valore più basso (1) a quella più forte (25): a fianco di ogni città si piazza un mazzetto di carte “tesoro” (ogni città ha il suo ed il numero delle carte cala col crescere del valore della città) che i giocatori (una specie di esploratori dell’aria) cercheranno di ottenere. Da notare che ogni mazzetto contiene carte il cui valore “minimo” è uguale al numero stampato sulla tessera città.

L’aeronave viene messa sulla tessera “1” e l’equipaggio sale a bordo (ogni partecipante mette il suo segnalino colorato sul ponte): si decide chi sarà il “Capitano” per il primo turno e si distribuiscono 6 carte “Equipaggiamento” ad ogni giocatore (8 carte se si gioca in due o tre soltanto). Poi il Capitano dà l’ordine di salpare per cercare di muovere l’aeronave sulla città successiva.

Prende allora il numero di dadi stampato su quella tessera (da 2 a 4) e li lancia: per ogni “pericolo” che viene mostrato dai dadi (tempesta, fulmine, uccellacco o pirati) il Capitano dovrà giocare dalla sua mano una carta col simbolo corrispondente (o un Jolly), ma prima di farlo (e senza mostrare ovviamente le sue carte agli altri) deve chiedere all’equipaggio se intende seguirlo o no: chi rifiuta toglie il suo segnalino e raccoglie la prima carta “tesoro” dal mazzetto di fianco alla città su cui si trova l’aeronave in quel momento. Gli altri invece restano a bordo sperando che il Capitano abbia le carte giuste.

Se il Capitano non ha tutte le carte richieste la spedizione fallisce (ma il giocatore deve comunque scartare tutte le carte “giuste” che aveva in mano) e l’aeronave ritorna alla città “1” da dove la spedizione potrà ricominciare. Se invece il Capitano riesce a scartare TUTTE le carte del tipo richiesto dai dadi (compresi uno o più Jolly) l’aeronave è salva e può muoversi sulla città successiva. In entrambi i casi il giocatore ripristina la sua mano di carte, pescando quelle mancanti dal mazzo comune, ed il ruolo di Capitano passa al giocatore successivo.

Si procede in questo modo fino a che un giocatore non raggiunge i 50 punti “tesoro” vincendo immediatamente la partita.   

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Siete riusciti a vedere lo splendido film d’animazione “The Mysterious Geographic Explorations of Jasper Morello” che vi avevamo consigliato in occasione della nostra recensione di Steam Time? Se ancora non avete provveduto, allora vi diamo un’altra opportunità per rimediare, perché evidentemente dirigibili e aeronavi sono particolarmente in voga nel mondo dei giochi da tavolo.In Celestia – il titolo che ci accingiamo a recensire- le similitudini con il suddetto cortometraggio non si fermano al solo mezzo di trasporto: proprio come nel film, l’aeronave ospita tutti i giocatori seduti al tavolo, che viaggiano da una città all’altra alla ricerca di preziosi tesori, senza sapere cosa li attenda.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Plato 78 2015 Ouvrez grand les cieux 26 Martel François-Xavier News
ILSA Magazine 36 2015 Prime Impressioni 14 Mogliotti Paola Recensione breve
WIN The Game Journal 491 2016 Played for you 42 Recensione breve
Spielbox 2016/3 2016 The Captain is the last to leave the ship 24 Schrapers Harald Recensione dettagliata
Spielbox 2016/3 2016 Tweaks and Variations : Bigger card Hand for 2 players 64 L.U.Dikus (Jochen Corts) Varianti o modifiche
Plato 90 2016 Omaggio : due carte "Grappin" 0 Gioco o inserto
ILSA Magazine 41 2016 Speciale Gioco dell'Anno 7 Di Marco Mauro Recensione dettagliata

Commento

Da quanto anticipato nella prima parte si deduce che CELESTIA utilizza un meccanismo dove il gioco delle carte si mescola al bluff e ad un certo azzardo (far credere agli altri che si hanno le carte giuste anche quando non è vero per farli restare a bordo ed affondare tutti senza tesori? restare a bordo e rischiare oppure scendere e prendere sicuramente un tesoro, seppure di valore più basso?).

La dotazione prevede 4 dadi D6 di plastica bianca che hanno tutti due facce bianche e quattro facce con un diverso simbolo colorato: blu per le nuvole della tempesta, giallo per i fulmini, rosso per gli uccellacci Damok e nero per i pirati di Lockhars.

Le 68 carte “Equipaggiamento” non sono equamente suddivise, ed infatti il mazzo include:

  • 20 carte “bussola” di colore blu per contrastare le tempeste;
  • 18 “parafulmini” gialli per contrastare i fulmini;
  • 16 “corni” rossi per scacciare gli uccellacci;
  • 14 “cannoni” neri per affondare le navi pirata.

Il mazzo è completato da 8 carte “turbo” (dei veri e propri Jolly) e da 8 carte “Energia”:

  • 2 carte “Sbarco forzato” per costringere un passeggero a scelta a sbarcare anche se aveva deciso di continuare il viaggio;
  • 2 carte “Jetpack” che permettono di salvarsi dal naufragio (quando il Capitano non ha parato gli attacchi) e di raccogliere anche una carta tesoro;
  • 2 carte “Rotta alternativa” che fa ritirare tutti i dadi al Capitano (dopo che tutti i passeggeri hanno dichiarato se vogliono proseguire il viaggio o no);
  • 2 carte “Sabotaggio” che costringono il Capitano a ritirare tutti i dadi con la faccia bianca (aumentando così il rischio di nuovi attacchi).

Come si vede si tratta di un gioco in cui la buona o cattiva sorte possono avere un ruolo molto importante, ma che proprio per questo deve essere praticato soltanto per divertirsi un po’ prendendo in giro chi troppo ha rischiato per non raccogliere nulla o per convincere gli altri a scommettere su una combinazione … perdente. E che dire poi della faccia di chi viene costretto da una carta “energia” a sbarcare proprio in vista di un tesoro importante? È raccomandato che i giocatori si scambino consigli ed incitamenti per rendere la partita ancora più interattiva.

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.