Caylus (2005)
Giudizio complessivo:
Autore: Attia William
Artista: Demaegd Arnaud
Demaegd Cyril
Doyle Mike
Editore: Ystari Games
Numero giocatori: 2 - 5
Durata media: 90 minuti
Tipologia giocatori: Giocatori esperti:
Ambientazione: Costruzione villaggio medievale
Categoria: Economia-Industria-Commercio
Meccanica: Piazzamento lavoratori
Motore:
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 8
Fortuna: 0
Difficoltà: 6
Valutazione BBG
Voto: 7.82
Votanti: 23.819
Classifica: #46
Valutazione riviste
Ilsa: A
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

CAYLUS è stato uno dei primi giochi a sfruttare la meccanica del "piazzamento lavoratori", ma soprattutto è stato quello che ha rinnovato e rilanciato il genere spopolando sul mercato di quel periodo (il 2005) e creando una scia di imitatori che continua ancor oggi a produrre nuovi giochi, pur con diverse variazioni o sfaccettature.

I giocatori hanno a disposizione inizialmente qualche moneta, un po' di cibo e 6 lavoratori: nel corso della partita dovranno collezionare altro cibo (per nutrire gli operai) e diverse risorse (legno, pietra, tessuto e oro) per poter costruire sia il nuovo Castello del Re che un certo numero di altri edifici (botteghe artigianali, alberghi, mercati, ecc.) comprese costruzioni ancora più importanti (banca, biblioteca, ecc.).

A turno i giocatori piazzano uno dei loro lavoratori su un edificio, pagando 1-2-3-4-5 monete: alcuni edifici sono stampati sulla mappa e restano disponibili per tutta la partita, altri (tessere rosa) servono nei primi turni a produrre qualche materiale, un po' di cibo, ecc. mentre il grosso degli edifici verrà costruito dai giocatori sfruttando l'azione di Carpentieri e Muratori.

Quando tutti hanno finito (o passato per mancanza di lavoratori o monete) si inizia dalla casella edificio più vicina al castello e si passa di casella in casella seguendo la strada principale: i giocatori riprendono in mano i loro lavoratori ed eseguono l'azione corrispondente all'edificio occupato: produzione di altre risorse (cubetti colorati), un po' di monete, azioni aggiuntive, come costruire un nuovo edificio, trasformare monete in risorse o materiali in oro, ecc.

Dopo aver messo da parte un po' di risorse sarà possibile anche inviare dei lavoratori per la costruzione del castello, guadagnando così i favori del Re (altri PV extra, monete, risorse o sconti nelle costruzioni).

La partita finisce quando il castello è completato oppure quando il Magistrato (una pedina speciale che si muove ad ogni turno sulla strada principale) arriva alla fine della strada. Vince chi ha più punti.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Caylus è giustamente considerato il capostipite dei giochi che utilizzano il “piazzamento lavoratori”, tanto in voga ancora oggi. Ad onor del vero, nella mia ludoteca, ho un gioco della SPLOTTER (uscito nel 1999) che usa già questa meccanica, ma la prima edizione di Caylus (2005) suscitò un entusiasmo tale da dar vita in poco tempo ad una miriade di imitazioni. Un nuovo genere di gioco era nato e il merito va ascritto a William Attia (già allora giocatore di Diplomacy a livello internazionale) che nella creazione di Caylus raffinò magistralmente il meccanismo: difficoltà e durata sono abbastanza contenuti e l’ergonomia del gioco è ancora oggi molto buona. Ottima anche la realizzazione.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
WIN The Game Journal 446 2013 Hugo Kastner Recommends 41 Kastner Hugo Articolo di carattere generale
ITP Magazine 01 2006 Recensione 6 Luciani Alessandro Recensione breve
Plato 13 2007 Bien débuter 52 Georges Xavier Consigli di Gioco
Plato 02 2006 Oevre de maitre pour maitres d'oeuvre 14 Gallais Guillaume Recensione dettagliata
ILSA Magazine 46 2017 Sotto la lente 13 Ammendola Giuseppe Recensione dettagliata
Balena Ludens 2016-07-25 2016 ebbe inizio il piazamento lavoratori Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commento

CAYLUS è un gioco molto interattivo: non soltanto i giocatori cercano di occupare per primi gli edifici "base" più importanti, ma in seguito possono piazzare i loro lavoratori anche su tessere appartenenti ad altri giocatori, pagando loro 1 PV ma sfruttando i bonus che essi offrono.

Ogni tessera infatti può accogliere UN SOLO lavoratore (con un paio di eccezioni per le scuderie e l'albergo). Inoltre esiste anche una pedina bianca, chiamata "Preposto" che può essere mossa avanti ed indietro sulla strada per cercare di danneggiare gli avversari: infatti tutti gli edifici che sono A VALLE del Preposto non potranno essere utilizzati in quel turno, quindi i lavoratori messi su quelle tessere sono persi.

Interessante anche la fase di costruzione del Castello: chi costruisce un pezzo del mastio (o delle mura o delle torri) guadagna infatti 5 PV (oppure 4-3 PV rispettivamente) ma può ottenere anche da 1 a 3 Favori del Re che, come abbiamo visto sopra, permettono di ottenere monete extra, PV, risorse o sconti nelle costruzioni.

Degno di nota infine il sistema di cambio dell'ordine del turno: il primo giocatore che mette un lavoratore nella tessera "scuderie" diventerà il primo del prossimo turno, e così di seguito.

CAYLUS è adatto a giocatori abituali o esperti perché le possibilità di azione sono davvero tante e bisogna sapersi dare delle priorità, sapendo comunque di non poter pensare ad una strategia prefissata perché nessuno può indovinare dove giocheranno gli avversari.  

La parte "tattica" del gioco è quindi la più importante: sapersi adattare ed agire sulla base di quello che sarà disponibile al proprio turno è indispensabile per poter vincere. Altamente consigliato.

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.