Caricat ! (2013)
Giudizio complessivo:
Autore: Chiavini Roberto
Artista: Caruso Luigi
Editore: ACIES
Numero giocatori: 2
Durata media: 120 minuti
Tipologia giocatori: Wargamers
Ambientazione: Due battaglie della Prima Guerra di Indipendenza Italiana (1848)
Categoria: Wargame
Meccanica: Wargame ad attivazione alternata
Scala conflitto: Operazionale
Eserciti: Austriaci
Francesi
Piemontesi
Periodo storico: Guerre d'Indipendenza e Coloniali
Motore: Combattimenti con lancio dado
Fanno parte di questo gioco: Caricat - Pastrengo: Raid into Glory
Caricat - Montebello: First Step to Freedom
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 4
Valutazione BGG
Voto: 7.21
Votanti: 12
Classifica: N.D.

Descrizione

Roberto Chiavini è un autore veterano di giochi di simulazione, avendo creato e pubblicato decine di battaglie, ed è proprio lui a firmare CARICAT, edito da ACIES, che include due le battaglie dedicate alle Guerre di Indipendenza italiana: Pastrengo, combattuta il 30 Aprile 1848 (prima guerra), e Montebello, del 20 Maggio 1859 (seconda). 

Le regole di base, appena sei pagine, si applicano ad entrambe le simulazioni mentre per ognuna delle due battaglie è stata aggiunta una paginetta con alcune modifiche o aggiunte che tengono conto della situazione sul campo. La meccanica utilizzata da Roberto in questa battaglia è quella delle “attivazioni alternate” dei vari comandanti ma con una importante aggiunta: il tipo di “ordine” che ogni generale ha ricevuto ad inizio partita e che può cercare di modificare durante il corso della battaglia.

Le unità combattenti sono di fanteria e cavalleria mentre ad ogni leader in campo è associato un marcatore con un valore di “iniziativa”. Non sono state utilizzate specifiche unità di artiglieria, ma il loro “peso” è stato inglobato nel valore delle unità di fanteria. Queste ultime sono caratterizzate da tre fattori “numerici”: Forza (nel corpo a corpo), Morale e Potenza di fuoco. Quelle di cavalleria non possono sparare ma hanno l’opportunità di effettuare delle cariche. Ogni leader ha un “raggio di comando” (distanza massima alla quale può stare un’unità per eseguire gli ordini) ed alcuni possono anche garantire un modificatore al dado se accompagnano le loro truppe durante un attacco.

Tutte le unità in campo iniziano la battaglia con degli “ordini” specifici: i piemontesi hanno l’onore (e l’onere) dell’offensiva (avanzata o attacco) mentre gli austriaci sono inizialmente sulla difensiva (fermi in posizione o in riserva).

La sequenza di gioco è la seguente:

Voce A – Fase degli ordini: i giocatori lanciano 2 dadi per ogni leader a cui vorrebbero cambiare gli ordini (Austriaci per primi). Se il risultato è uguale o inferiore al valore di iniziativa del leader quest’ultimo può modificare i suoi ordini di un livello (per esempio da “stand” a “advance” oppure a “reserve”). Se il risultato è superiore gli ordini restano invariati.

Voce B – Fase delle attivazioni: i giocatori (partendo dall’Italiano) attivano a turno uno dei loro leaders per muovere le truppe relative ed eventualmente effettuare degli attacchi

Voce C – Recupero: i giocatori tentano di recuperare eventuali unità danneggiate (disorganizzate, disperse o in rotta).

L’attivazione dei generali (e delle loro truppe) viene eseguita secondo la loro iniziativa, partendo da quelli che hanno il valore più alto: se un giocatore non ha leaders di un certo valore il suo avversario continua ad attivare tutti i suoi. Invece di un leader il giocatore di turno può decidere di attivare una delle sue unità di cavalleria: si lancia un dado e con il risultato di “8” o meno l’unità viene attivata (“6” o meno per l’austriaco). Se il lancio è negativo si piazza un marcatore su quell’unità che non potrà più essere usata nel turno corrente. Se adiacente al nemico un’unità di cavalleria si attiva automaticamente.

La battaglia è vinta da chi avrà fatto più Punti Vittoria (PV), sapendo che in ogni battaglia ci sono delle città obiettivo sul campo (5 per Pastrengo e 10 per Montebello) ognuna delle quali assegna un numero di PV (che varia da 1 a 15) mentre altri PV vengono guadagnati eliminando le ogni unità nemiche.

Ci sono anche alcune regole “opzionali” che i giocatori dovranno decidere se adottare o meno prima dell’inizio della partita: non cambiano in maniera decisiva la battaglia ma permettono di variarla un po’. 

Commento

Dopo aver visto come funziona CARICAT in maniera più generale vediamo un po’ più in dettaglio tutti gli ordini ed il loro significato:

Voce 1 – Attacco (Attack): le unità dei generali con questo ordine devono muovere alla loro massima velocità verso il nemico più vicino e, possibilmente, devono dare inizio ad un combattimento corpo a corpo. Esse ricevono un bonus di “+1” in ogni combattimento, ma tirano un dado in meno durante la fase di “fuoco”.

Voce 2 – Avanzata (Advance): le unità con questo ordine devono avanzare di almeno un esagono verso il nemico ma non hanno bonus/malus di nessun tipo.

Voce 3 – Fermi in posizione difensiva (Stand): queste unità non possono mai muovere per più di un esagono ed anche in questo caso devono dirigersi verso un obiettivo sotto il controllo amico. Se attaccate lanciano un dado extra durante la fase di “fuoco”.

Voce 4 – Riserva (Reserve): queste unità non possono né muovere né attaccare il nemico. Se attaccate si difendono normalmente ma tirano un dado in meno durante la fase di “fuoco” però subito dopo passano automaticamente all’ordine “stand”.

Tutte le unità entro il raggio di comando del loro leader possono muovere e combattere normalmente: quelle oltre questo raggio ricevono ovviamente delle penalità e non possono attaccare.

Ogni unità ha una Zona di Controllo (ZOC) composta dai sei esagoni che la circondano, ma queste ZOC non sono bloccanti e servono essenzialmente a definire gli attacchi: se però un’unità passa da un esagono di ZOC ad uno adiacente il nemico può immediatamente fare fuoco.

Se due unità sono adiacenti possono iniziare un combattimento (purché questo sia consentito dai loro ordini: se un’unità è in “riserva”, per esempio, non può attaccare nel suo turno). Sono consentiti due tipi di combattimento: il “corpo a corpo” ed i “tiri di fucileria” (fuoco).

Se l’unità attaccante decide di sparare anche il difensore può fare altrettanto ed i due combattimenti si considerano simultanei: ogni unità lancia un numero di dadi pari al suo valore di “fuoco” e se il risultato finale (contando eventuali modificatori al tiro) è uguale o superiore al valore del “Morale” dell’unità bersaglio quest’ultima riceve un “colpo” (hit). Il primo colpo costringe il giocatore a rovesciare la sua unità, mostrando valori più bassi; il secondo colpo fa aggiungere un segnalino “shaken” (demoralizzato) all’unità; il terzo trasforma il segnalino in “broken” (disperso); il quarto manda l’unità in rotta (routed) mentre un quinto colpo l’elimina definitivamente.

Durante la fase di Recupero ogni unità non adiacente al nemico può recuperare un livello (per esempio da broken a shaken) mentre quelle adiacenti al nemico devono lanciare due dadi ed ottenere un valore inferiore uguale a quello del loro morale attuale per poter recuperare un livello (operazione piuttosto difficile). 

Le unità di cavalleria possono essere attivate al posto di un leader e quindi muovono ed attaccano in maniera indipendente: il loro attacco è la carica, da effettuare su terreno aperto e con le unità che partono da 2-3 esagoni di distanza dal bersaglio: hanno un modificatore di “+3” nella risoluzione del combattimento contro la fanteria ma al termine della carica subiscono la penalità di un livello di morale. Se attaccata soltanto da unità di fanteria la cavalleria può ritirarsi di 1 esagono (previo lancio di 1 D6 che deve essere inferiore o uguale al suo morale, solitamente molto alto per queste unità di elite, ed alcune di esse, con morale “6”, non hanno neppure bisogno di tirare il dado).

In conclusione si tratta di un gioco di difficoltà medio-bassa e con un numero di unità contenuto, adatto quindi ad una partita da risolvere nel giro di 90 minuti circa.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Caricat è una pubblicazione della casa editrice italiana ACIES e viene venduta in una busta trasparente e senza dadi, e contiene due battaglie, entrambe dedicate alle guerre d’Indipendenza italiana: Pastrengo, combattuta il 30 Aprile 1848 (prima Guerra di Indipendenza), e Montebello, del 20 Maggio 1859, (Seconda Guerra). In questa recensione spiegheremo e commenteremo il gioco basandoci principalmente sul primo titolo, Pastrengo; Ride into Glory, una simulazione storica per 2 giocatori di 14 anni o più, basata sull’omonimo scontro che oppose austriaci e piemontesi. Al termine naturalmente faremo dei commenti separati sulla seconda: Montebello: First Step to Freedom. Entrambi i wargames sono firmati da Roberto Chiavini, un veterano dei giochi di simulazione storica che creato e pubblicato decine di battaglie.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Vae Victis 113 2013 Nouveautés Hexagone 8 Sauvage Denis Recensione breve
Balena Ludens 2019 2019 Due battaglie del Risorgimento in un solo wargame 11-29 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.