Broom Service (2015)
Giudizio complessivo:
Autore: Pelikan Andreas
Pfister Alexander
Artista:
Editore: Alea
Ravensburger Spieleverlag GmbH
Numero giocatori: 2 - 5
Durata media: 60 minuti
Tipologia giocatori: Giocatori abituali
Categoria: Percorso
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Scambio risorse
Motore: Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 2
Difficoltà: 3
Valutazione BBG
Voto: 7.24
Votanti: 5.416
Classifica: #406
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

Broom Service ha vinto lo SdJ 2015 nella categoria per "esperti". In realtà il gioco è perfetto anche per giocatori normali ed in famiglia perché non è affatto difficile, per lo meno nella versione "base". Il tabellone (double face) viene preparato mettendo delle tessere "nuvola" negli appositi spazi e due pedine "strega" di ogni colore in due aree della mappa dove è disegnato un Castello. I giocatori ricevono 10 carte (uguali per tutti, ma col dorso di colore diverso) e devono selezionarne quattro a piacere al'inizio di ognuno dei 7 turni. Il Primo Giocatore scopre una delle sue carte ed annuncia se la giocherà "coraggiosa" o "codarda": nel primo caso il bonus è più forte ma la carta potrebbe essere "bruciata" da uno dei giocatori successivi che l'aveva a sua volta selezionata nel gruppo di quattro. Nel secondo caso il bonus è inferiore ma sicuro ed immediato. Scopo del gioco è fare punti consegnando delle pozioni in alcune torri della mappa, all'interno di quattro tpi di territorio. Si gioca una carta "strega" col territorio voluto e si muove una delle proprie pedine in una zona con quel terreno, purché sia adiacente all'area di partenza. Se la strega era "coraggiosa" oltre al movimento potrà consegnare una delle pozioni in suo possesso. Discorso simile per i Druidi, che però consegnano le pozioni nel territorio in cui si trovano. Tre carte infine permettono di accumulare altre pozioni (verdi, arancioni o porpora) o bacchette magiche. Una delle streghe può fare scomparire una nuvola adiacente giocando una o più bacchette magiche. Ogni nuvola indica quante bacchette servono e quanti "fulmini" reagala: a fine partita i giocatori guadagnano da 3 a 30 Punti Vittoria (PV) in base al numero di fulmini accumulato. Altri PV sono assegnati a chi ha ancora in deposito a fine partita un certo numero di pozioni e/o bacchette magiche. Vince ovviamente chi ha il punteggio più alto.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Questa volta la fantasia di Andreas Pelikan e Alexander Pfister ci porta in un Paese dove vivono Maghi, Streghe e Druidi. Naturalmente il loro lavoro principale consiste nel preparare filtri magici, amuleti, ed altre cose del genere, ma cosa succederebbe se improvvisamente uno di loro si ritrovasse senza qualche pozione ? Niente paura, ormai anche nel regno della magia si sono modernizzati e basta fare una richiesta alla premiata ditta “Broom Service” per essere serviti rapidamente da qualche giovane strega che, a cavallo di una scopa volante di ultimo modello, arriverà direttamente a casa per la consegna… sempre che cattivo tempo e nuvoloni tempestosi non blocchino i voli!

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Spielbox 2015/4 2015 An old Broom will sweep just as well 6 Ruschitzka Edwin Recensione dettagliata
WIN The Game Journal 481 2015 Potionsin Motion 2 Knoll Katherina Recensione dettagliata
Plato 84 2016 Balai impérial 36 Martel François-Xavier Recensione dettagliata
Balena Ludens 2016-07-28 2016 Streghe come postini ma su scope volanti Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commento

Il cuore del gioco è ovviamente la scelta delle carte "giuste" in ogni turno, sperando di poter eseguire una serie di azioni nell'ordine desiderato e senza che qualcuno venga a fare il guastafeste chiamando troppo presto una delle carte selezionate quando non si è ancora pronti. C'è poi la scelta ... cruciale se giocare le carte in modo "coraggioso" o "codardo". I primi di mano difficilmente decideranno di giocare coraggiosamente perché il rischio di bruciare la carta è molto reale. Meglio accontentarsi di qualcosa di "poco ma certo". Viceversa i giocatori a fine turno tenderanno a fare scelte coraggiose per massimizzare i guadagni. Sulla mappa ci sono due tipi di torri: le tonde sono "monosuso" ed il primo che posa una pozione su di esse (la pozione deve avere il colore del tetto della torre, arancio, porpora o verde) incamera i punti stampati e vi mette sopra un segnalino di quel colore. Le quadrate invece sono multiuso: tutti possono consegnare una pozione di quel colore, che sarà rimessa nella riserva generale per lasciare la toree sempre libera. Ovviamente le torri che danno più punti sono le più lontane dai castelli e necessitano un percorso più lungo per raggiungerle. Infine ci sono 7 carte "Evento" (prese a caso da un mazzetto di 10) che determinano dei bonus/malus alla fine di ogni turno in determinate situazioni (se una strega è in pianura perdi 2 PV, se è in montagna guadagni 1 PV, ecc.). Da notare che il gioco include i materiali per quattro varianti, utilizzando la seconda faccia del tabellone e quattro set di tessere speciali. I giocatori decidono ad inizio partita se e quali varianti utilizzare ed aggiungono le tessere necessarie. Il gioco si complica un po' di più ma garantisce una vita più lunga. Per una volta riconosco che la scelta dello SdJ 2015 non è stata sbagliata ... come è accaduto tante volte nel passato.     

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.