Brass: Birmingham (2018)
Giudizio complessivo:
Autore: Wallace Martin
Brown Gavan
Tolman Matt
Artista:
Editore: Roxley Games
Ghenos Games
Numero giocatori: 2 - 4
Durata media: 150 minuti
Tipologia giocatori: Da 14 anni
Ambientazione: Sviluppo industriale in Gran Bretagna
Categoria: Sviluppo-Ampliamento
Meccanica: Controllo Aree
Posare tessere-pedine-ecc.
Motore: Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 8
Regolamento: 8
Gradimento: 8
Fortuna: 2
Difficoltà: 5
Valutazione BGG
Voto: 8.64
Votanti: 15.271
Classifica: #3
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: A
Spielbox: A
Win Magazine: N.D.

Descrizione

BRASS BIRMINGHAM è una riedizione del gioco BRASS di Martin Wallace, anche se questa volta la zona considerata è diversa da quella originale (ripresa comunque da BRASS LANCASTER): comunque i giocatori diventano magnati della fase di sviluppo industriale nelle Midlands, in Inghilterra, a seguito dell'applicazione delle macchine a vapore. Il gioco è composto da due manches:

(a) - epoca dei trasporti via canale e

(b) - epoca dei trasporti ferroviari.

Per questo la mappa mostra due tipi di raccordi fra le città: il primo è costituito da canali ed il secondo da binari ferroviari.

Ogni turno prevede una fase iniziale di "incasso" del reddito in base al valore raggiunto dal relativo segnalino, seguita da due "azioni" per ogni giocatore. A fine turno si verifica il nuovo ordine di gioco (basato sul denaro speso), si ripristina la mano di carte e si ricomincia tutto da capo fino all'esaurimento delle carte nel mazzo e di quelle in mano ai giocatori.

Esse sono di due tipi: "Località" (hanno il nome di una delle città indicate sulla mappa) e "Industria" (mostrano che tipo di stabilimento può essere costruito: lavorazione cotone, porto, miniera di carbone, lavorazione acciaio e costruzione navi).

I giocatori ne ricevono inizialmente otto, usando le quali potranno eseguire le seguenti azioni:

(1) - Costruire una nuova industria: questa azione richiede l'uso di una carta "località" (per costruire una qualsiasi industria in quella città) o "industria" (per costruire quel tipo di fabbricato in una qualsiasi località) ed ha un costo variabile a seconda del tipo e dello sviluppo raggiunto dall'edificio scelto;

(2) -  Costruire un collegamento: si gioca una carta qualsiasi e si paga il necessario (soldi e/o carbone) per poter posare uno dei propri segnalini (barcone o treno) sul relativo collegamento, a seconda della manche in corso;

(3) - Sviluppare un'industria: si paga una carta e si possono eliminare dalla propria riserva 1 o 2 tessere edificio del valore più basso: in questo modo si potrà accelerare la costruzione delle industrie più remunerative;

(4) - Vendere merci: pagando una carta si può rendere produttiva (rovesciando la tessera per mostrarne il valore) l'industria del cotone aumentando di conseguenza la propria rendita;

(5) - Prendere un prestito: giocando una carta si può richiedere un prestito fino ad un massimo di 30 milioni, arretrando l'indice delle rendite di una casella ogni lotto di 10.

Alla fine della prima manche (canali) si conteggiano i Punti Vittoria (PV) per tutte le industrie installate e funzionanti (quelle girate sul lato prodotto) e per ogni collegamento del proprio colore (il totale dei PV dipende da quante e quali industrie sono installate nelle due città collegate).

Al termine della prima manche si eliminano inoltre tutte le tessere del livello "I" presenti sulla mappa. Al termine della seconda si proclama vincitore chi ha ottenuto più PV. 

Commento

Il segreto per giocare bene a BRASS BIRMINGHAM sta ovviamente nella scelta delle industrie giuste al posto giusto. Per aumentare il proprio reddito però è necessario non solo avere installato delle buone industrie, ma anche averle sapute "supportare" adeguatamente con carbone e acciaio (necessari per la loro costruzione) ed averle dotate di un collegamento ad uno dei porti (o ad un mercato estero) indicati sulla mappa.

Ogni tipo di edificio possiede un certo numero di tessere, divise in quattro livelli: inizialmente saranno disponibili solo le tessere di livello "1" (meno costose ma anche meno remunerative), ma durante il gioco si potrà accedere anche a quelle più importanti, purché quelle del livello inferiore siano state tutte usate o scartate (con l'azione "sviluppare un'industria").

Sarà possibile addirittura costruire industrie più moderne in sostituzione di quelle più povere di altri giocatori, togliendo quindi loro dei PV al momento del conteggio (a fine manche). Sulla parte frontale di ogni tessera sono indicati il costo d'acquisto (in monete) ed i materiali necessari (carbone e/o acciaio), mentre sul retro sono stampati il numero di caselle di cui bisogna immediatamente aumentare il reddito ed i PV che si guadagneranno a fine manche: il giocatore paga entrambi i costi e piazza l'industria sulla casella scelta.

Nel caso di miniere e industrie dell'acciaio la tessera viene piazzata sulla mappa con un certo numero di cubetti colorati (neri per il carbone ed arancioni per l'acciaio). Se il carbone o l'acciaio usati per una costruzione sono disponibili sulla mappa e sono collegati alla città in cui si costruisce i giocatori devono usarli, indipendentemente da chi sia il proprietario della miniera o dell'acciaieria: se invece non ce ne sono sarà possibile acquistarli dal mercato ad un prezzo variabile da 1 a 4 monete).

Quando viene tolto l'ultimo cubetto di una tessera questa viene girata e fa aumentare subito la rendita del giocatore (oltre ad assegnare eventuali PV a fine manche).

Naturalmente il denaro consegnato inizialmente ai giocatori (30 monete) non può bastare per fare tutte le costruzioni più importanti e le rendite sono abbastanza basse nei primi turni, e per questo è altamente consigliabile prendere uno o due prestiti fin dall'inizio, soprattutto se le costruzioni eseguite con quei soldi permettono di annullare rapidamente la penalità (1-3 caselle di reddito).

Dopo qualche turno ed un gioco accurato il reddito aumenterà regolarmente e sarà possibile accumulare soldi nella propria riserva per spenderli in costruzioni più importanti.

Non bisogna dimenticare inoltre che le industrie di livello "1" verranno tolte dalla mappa dopo al prima manche, ma non dalla riserva personale: quindi è consigliabile farsi trovare con "zero" industrie nella propria riserva e con qualcuna di livello "2" o superiore sulla mappa. 

Un gioco intelligente per giocatori esperti, cui lo consiglio caldamente: tra l'altro è in commercio anche una nuova edizione, con mappa riveduta e corretta, nuovi edifici (le birrerie) e qualche chiarimento e con regole revisionate e migliorate. 

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

Nel 2007 l’autore britannico Martin Wallace pubblicò il gioco Brass per i colori della sua stessa casa editrice (Warfrog Games): fu un autentico exploit ed è a tutt’oggi uno dei suoi titoli di maggior successo fra i giocatori esperti e che amano una certa complessità. Nel 2018 la ditta canadese Roxley Games decise di pubblicare una versione aggiornata del gioco (chiamata Brass Lancashire) e contemporaneamente una seconda scatola, Brass Birmingham, che utilizza la stessa meccanica ma che è ambientata in una diversa area dell’Inghilterra.

Se Lancashire era infatti basato nella contea britannica di Lancaster, al confine con la Scozia e la città di Chester, Birmingham comprende un’area più che doppia nel cuore dell’Inghilterra, le famose Midlands, fra le contee di Glouchester (vicina al Galles), Oxfordshire (a sud), Leicester e Northampton ad Est. Quindi subito sotto l’area industriale di Liverpool/Manchester, in una zona che fu ed è tutt’oggi intensamente sfruttata dal punto di vista manifatturiero.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Spielbox 2019/5 2019 Coal, steel and draft beer 6 Ruscher Gerald Recensione
Io Gioco 13 2019 Riscopriamo la rivoluzione industriale inglese 66 Di Marco Mauro Recensione dettagliata
Balena Ludens 2020-01 2020 Brass è tornato ma su un'altra mappa! 20 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata
Plato 128 2020 Les temps modernes 32 Hoflack Simon Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.