Big Monster (2018)
Giudizio complessivo:
Autore: Perrier Dimitri
Artista: Nikulin Ivan
Editore: Explor8
Numero giocatori: 2 - 6
Durata media: 30 minuti
Tipologia giocatori: Per tutti
Ambientazione: Esplorazione dello spazio e cattura di mostri
Categoria: Sviluppo-Ampliamento
Esplorazione
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Posare tessere-pedine-ecc.
Motore: Tessere
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 7
Regolamento: 7
Gradimento: 7
Fortuna: 2
Difficoltà: 3
Valutazione BBG
Voto: 7.67
Votanti: 80
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: B
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

BIG MONSTER è un gioco di “draft” a squadre, ma con una particolarità innovativa. Ogni scelta è contemporanea ma dopo aver scelto la propria tessera i giocatori passano il resto del mazzo a chi vogliono: al proprio compagno se ci sono tessere che possono aiutarlo, oppure ad uno degli avversari se pensano di ottenere qualche cosa di meglio. Quindi spesso prendere decisioni molto veloci è importante per aiutare la squadra.

Ad inizio partita si piazza il tabellone rotondo al centro del tavolo e su di esso vengono piazzate delle “medaglie” di vari tipi (ghiaccio, prateria, lava, palude, ecc.) che serviranno a dare Punti Vittoria (PV) extra alle squadre al raggiungimento di certi obiettivi. Sul tavolo vengono anche piazzate le tessere “Mutazione” divise in mazzetti dello stesso tipo.

Ogni giocatore riceve due tessere quadrate “Esploratore/Astronave” e deve scegliere quale delle due utilizzerà come esploratore (ognuna di esse ha un bonus specifico) e quale invece rovescerà sul dorso à mostrare la sua astronave.

Tutte le tessere rettangolari dei “mostri” sono mescolate e distribuite: un pacchetto di 10 tessere per giocatore e quattro pacchetti di 10 tessere sul tavolo, pronti per la seconda manche della partita.

Al … via tutti prendono in mano le tessere della propria astronave, le esaminano rapidamente, ne scelgono una e passano il resto ad uno degli altri giocatori: poi piazzano la tessera scelta davanti a loro secondo regole ben precise:

  • La prima tessera deve essere piazzata adiacente all’Esploratore; in seguito ogni nuova tessera dovrà essere adiacente ad un’altra già giocata;
  • Tutte le tessere devono essere posate nella stessa direzione (mostri in piedi)
  • Una tessera posata sul tavolo non può più essere mossa
  • Se una tessera causa una mutazione (mostri di ghiaccio) deve essere sostituita da quella di valore intermedio e, in seguito, da quella di valore più alto (seconda mutazione).

Se un giocatore (o la squadra nel suo insieme) raggiunge le condizioni richieste dalle medaglie esposte sul tabellone lo annuncia e prende la medaglia relativa: in alcuni casi la missione chiede di giocare un certo numero di tessere sommando quelle dei due giocatori della squadra, e quindi al raggiungimento dell’obiettivo entrambi prenderanno una medaglia.

Dopo il nono turno la prima manche finisce (la decima tessera viene scartata da tutti) e tutti prendono un secondo pacchetto di 10 tessere dalla riserva creata ad inizio partita: si procede esattamente come nella prima manche ed alla fine si contano i PV di ogni giocatore.

Ogni squadra guadagna il punteggio più basso fra quelli dei due giocatori: naturalmente vince la squadra col punteggio finale più alto.  

Commento

Quello descritto più sopra è il metodo standard per giocare a BIG MONSTER, ma le regole prevedono in realtà quattro possibilità:

  • Gioco a squadre (2-3 squadre di 2 giocatori)
  • Gioco individuale (3-6 giocatori)
  • Gioco a due (con regole specifiche)
  • Gioco a tre (con regole specifiche)

Il più divertente è naturalmente quello a squadre, possibilmente con sei giocatori, perché scegliere la tessera giusta e decidere come aiutare il compagno in tempi limitati e prima che la sua astronave venga occupata da uno degli avversari mette un po’ tutti sotto pressione, permettendo quindi anche di … sbagliare qualche mossa e dando così al gioco una valenza diversa.

Prima di iniziare la partita è assolutamente necessario studiare attentamente gli obiettivi disponibili (medaglie) in modo da cercare poi di concentrarsi sull’acquisizione di quelle tessere che permetteranno di raggiungere il più rapidamente possibile l’obiettivo necessario a catturare una o più medaglie.

A fine partita però i giocatori (o le squadre) che hanno il minor numero di tessere “mostro del deserto/mostro delle rune” subiscono una penalizzazione di ben 10 PV, quindi nel corso della partita bisogna tenere un occhio aperto sul gioco degli avversari per cercare di non restare troppo indietro.

Durante la posa delle tessere è possibile anche accoppiare dei simboli stampati su di esse in modo da formare dei “cristalli” di diverso colore che assicurano PV supplementari al giocatore che ha saputo assemblarli:

  • Verdi (sono sui lati destro o sinistro delle tessere) e valgono 2 PV
  • Arancioni (sono sui lati alto e basso) e danno 5 PV
  • Blu (sugli angoli, e servono quindi quattro tessere) che danno 10 PV

Durante il calcolo del punteggio finale si dovranno dunque sommare i PV stampati sui mostri a quelli dei cristalli, delle medaglie ed eventualmente della tessera esploratore, sottraendo la penalità dei mostri deserto/rune.

Ogni giocatore calcola i suoi punti e nel gioco individuale si dichiara vincitore chi ha il totale più alto: nel gioco a squadre si prende il valore più basso dei due membri, quindi è necessario che i giocatori cerchino di restare equilibrati durante tutta la partita.

Il gioco è divertente e dura circa mezzoretta, per cui può essere utilizzato sia in famiglia che come filler ad una serata, in attesa di (o subito dopo) un gioco più impegnativo.

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Plato 113 2019 C'est la grosse bete qui va 28 Bonnard Vincent Recensione

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.