Aqualin (2020)
Giudizio complessivo:
Autore: Bertocchi Marcello
Artista: Rekasowski Sophie
Editore: Kosmos
Giochi Uniti
Numero giocatori: 2
Durata media: 20 minuti
Tipologia giocatori: Da 10 anni
Ambientazione: Raggruppare creature marine della barriera corallina per tipo o colore
Categoria: Astratto
Meccanica: Combinazioni-Allineamenti
Motore: Tessere
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 8
Regolamento: 7
Gradimento: 6
Fortuna: 3
Difficoltà: 2
Valutazione BGG
Voto: 7.02
Votanti: 959
Classifica: #2522
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: D
Win Magazine: N.D.

Descrizione

AQUALIN potremmo tranquillamente inserirlo nel filone delle tessere di plastica dura inaugurato da “Azul” e poi proseguito da altri titoli, naturalmente con varie… declinazioni. Nel nostro caso la complessità è decisamente inferiore a quello dei giochi di cui sopra e, a mia conoscenza, questo è il primo nato per giocare esclusivamente in due: per imparare le regole bastano 5 minuti, se le leggete da soli, o anche meno se ve le spiegano. La componentistica è decisamente ridotta: un piccolo tabellone “Barriera Corallina” di cartone (190x190 mm, con una griglia di 6x6 quadrati) e 36 tessere “Creatura Marina”.

Sulle tessere sono state stampate 6 diverse “creature” (granchio, pesce, medusa, cavalluccio marino, stella marina e tartaruga) in sei serie di 6 diversi colori (azzurro, verde, rosa, viola, rosso e giallo). Uno dei giocatori dovrà collezionare “creature” con lo stesso colore, mentre l’altro deve fare altrettanto con i diversi “tipi”. Il setup è semplicissimo: tabellone nel mezzo, sei tessere a faccia in su e tutte le altre coperte (per la pesca).

Al suo turno ogni giocatore può:

  1. – spostare orizzontalmente o verticalmente una tessera già in tavola senza uscire dal tabellone e fermandosi se incontra altre tessere;   
  2. – aggiungere una tessera alla griglia, da prendere fra le sei esposte;
  3. – pescare una nuova tessera dalla riserva e girala a faccia in su.

Il primo giocatore cercherà di formare “gruppi” di tessere adiacenti (ortogonalmente) che abbiano lo stesso colore, mentre l’avversario dovrà cercare di distruggere quanto sta facendo il primo e creare dei raggruppamenti di tessere con lo stesso tipo di creatura. La partita finisce quanto il tabellone viene completamente riempito: si contano tutti i gruppi (per colore o per tipo) assegnando 1 PV ai gruppi di 2 tessere, 3 PV per tre tessere, 6-10-15 PV per 4-5-6 tessere. Vince naturalmente chi ottiene il totale più alto.

Commento

Le prime partite ad AQUALIN si fanno in completo… relax, giocando forse un po’ istintivamente (mettendo cioè tessere del proprio obiettivo adiacenti alle altre) ma dopo qualche mossa ci si accorge che le cose non sono affatto così semplici: basta uno spostamento ben fatto (da parte del vostro avversario) ed il vostro bel gruppo di 4-5 tessere viene spezzato in due, oppure la mossa “geniale” che avevate previsto viene spezzata sul nascere dal piazzamento di un ostacolo che nulla ha a che fare con quello che avevate progettato.

Serve anche un pizzico di fortuna nella pesca delle tessere: se non esce il colore (o il tipo) di cui avete bisogno per consolidare il vostro gruppo l’avversario riuscirà a sbriciolarlo mentre consolida i suoi. In generale, se all’inizio si può contare su un paio di tessere giuste conviene iniziare la posa vicino ad un angolo in modo da avere due lati sicuri dai quali non potranno essere spostate le vostre tessere, anche se la vostra mobilità risulterà un po’ limitata.

Altrimenti appoggiarsi su un lato esterno del tabellone aiuta comunque a ridurre gli attacchi: d’altra parte anche il vostro avversario dovrà pure pensare a costruire qualcosa di buono, no? Un gioco semplice ma niente affatto semplicistico, bello da vedere e da manipolare, della durata media di 15-20 minuti, adatto quindi ad ogni occasione.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

L’autore di Aqualin è un italiano, Marcello Bertocchi, che aveva creato questo gioco (con il nome di “Feudalink”) in occasione del Premio Archimede 2018 (un concorso biennale che vuole premiare giochi inediti, bandito da Studiogiochi e dedicato ad Alex Randolph) dove si classificò secondo. Fu poi ripreso da Kosmos che lo pubblicò, con il nuovo nome e la nuova ambientazione, nella sua gamma di giochi per due. E in questa confezione ci è presentata anche l’edizione italiana di Giochi Uniti. Le regole (in italiano) sono molto semplici da imparare e le partite non durano mai più di una ventina di minuti

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
Spielbox 2020/3 2020 Cohesion in times of social distancing 20 Wieland Herold Recensione dettagliata
WIN The Game Journal 537 2020 15 Recensione breve
Balena Ludens 2022-07 2022 Alal ricerca di creature marine all'interno della barriera corallina 18 Cremona Pietro (Leggi) Recensione dettagliata

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.