5211 (2019)
Giudizio complessivo:
Autore: Hashiguchi Tsuyoshi
Artista: Quilliams Chris
Editore: Ghenos Games
Next Move Games
Numero giocatori: 2 - 5
Durata media: 30 minuti
Tipologia giocatori: Per tutti
Ambientazione: Catturare lucertole con una partita a carte
Categoria: Carte Speciali
Meccanica: Maggioranze
Combinazioni-Allineamenti
Motore: Carte
Componenti: Visualizza la lista dei componenti
Grafica: 6
Regolamento: 6
Gradimento: 7
Fortuna: 3
Difficoltà: 2
Valutazione BGG
Voto: 0
Votanti: 0
Classifica: N.D.
Valutazione riviste
Ilsa: N.D.
Plato: N.D.
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Descrizione

5211 è un gioco di carte ideato da un autore giapponese (Tsuyoshi Hashiguchi) per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su. Il suo titolo è una specie di “riassunto” del turno: i giocatori infatti tengono 5 carte in mano, ne giocano 2 nel primo turno di ogni round, poi 1 nel turno successivo e ancora 1 nel terzo ed ultimo. Poi si verifica chi ha ottenuto dei punti. Il succinto regolamento ci fa capire che si tratta di un gioco semplice, indirizzato a tutti, la cui durata davvero ridotta (da 15 a 20 minuti a seconda del numero dei partecipanti) permette di effettuare 2-3 partite di seguito non appena si trova un’oretta di tempo.

La scatolina di cartone del gioco contiene un termo-formato di plastica blu che ospita il mazzo di 100 carte in due vaschette separate da un divisorio. Il mazzo è diviso in cinque “semi” di 20 carte di colore diverso (giallo, verde, rosso, blu e arancio) ed ognuno è composto da: cinque carte “Lucertola” (detti “Kododo” nel gioco) di valore “1”, sei di valore “2”, cinque da “3”, due da “4” ed una per il “5” e il “6”.

Il set-up dipende molto dal numero dei partecipanti, perché si gioca con tutte le carte soltanto in quattro: in cinque se ne tolgono 15 a caso, in tre ne vanno tolte 13 ad in due solo 10. Le carte tolte dal mazzo si ripongono subito nella scatola e senza guardarle. A questo punto se ne distribuiscono cinque (coperte) a testa e si pone il mazzo al centro del tavolo per la successiva “pesca”. Tutte le carte hanno il loro numero (o la lucertola) ripetuto in ognuno dei quattro angoli per facilitare la consultazione durante il gioco.

Una partita dura diversi round ed ogni round è composto esattamente da tre turni, durante i quali si esegue sempre la seguente procedura:

a - Ogni giocatore sceglie due delle sue carte e le gioca coperte sul tavolo: quando tutti hanno fatto la loro scelta le carte vengono scoperte ed ognuno riporta a cinque la sua mano, pescandone due nuove dal mazzo;

b - Tutti giocano ora una carta, con le stesse modalità viste sopra, ma cercando di capire, guardando le carte scoperte precedentemente, quale colore potrebbe prevalere, poi ripescano una carta;

c - Tutti giocano la loro quarta carta (come sopra) e ripescano;

d - Infine si valutano le carte giocate per vedere se si assegneranno i punti in base ai Kododo o alla maggioranza di un colore.

Se il numero complessivo dei “Kododo” messi in tavola dai giocatori è esattamente quello previsto dalle regole (7 carte in cinque, 6-5-4 in quattro, tre e due) la mano verrà conteggiata scartando tutte le altre carte ed ognuno metterà da parte (nella sua pila dei Punti Vittoria (PV), chiamata “pila del punteggio” dal regolamento) tutti i Kododo che ha davanti a sé.

Se invece il numero dei Kododo è superiore o inferiore a quello indicato dalle regole si procede ad un conteggio delle maggioranze: ma anche qui per prima cosa si deve verificare che non sia stata superata la soglia massima di carte prevista per ogni colore (8 carte in cinque, 7-6-5 in quattro, tre e due) eliminando eventualmente le carte che hanno superato questa soglia. Fatto questo si verifica qual è il colore rimasto con più carte in tavola: tutte le altre si scartano ed ogni giocatore incassa solo le carte del colore maggioritario rimaste davanti a lui. In caso di “pareggio” tutte le carte vengono scartate.

La partita finisce quando si esaurisce il mazzo: si effettua allora un ultimo round con le 5 carte rimaste in mano (che naturalmente non vengono sostituite da nuove) scartando l’ultima. Quindi si procede al conteggio dei PV sommando il valore di tutte le carte accumulate nella pila del punteggio ed il giocatore con il totale più alto viene proclamato vincitore.

Commento

Come avrete certamente capito dalla descrizione, una partita a 5211 non provocherà mai il mal di testa ai partecipanti per la sua “meccanica”, anche se tutti saranno sempre piuttosto attenti al gioco. Infatti il risultato di ogni round comincia a manifestarsi già dopo il primo turno, dato che valore e colore delle carte giocate sono visibili a tutti, per precisarsi ancor meglio dopo il secondo.

I giocatori possono quindi intervenire secondo due linee:

a. posando carte “alte” (4-5-6 PV) di un certo colore perché pensano che esso possa vincere il round e quindi che sia molto probabile incassare un bel gruzzolo di PV;

b. giocare carte basse e tutte dello stesso colore (o dei Kododo) per farlo sballare: in altre parole nel secondo e terzo turno un giocatore può tentare di eliminare un colore per poter vincere con quello da lui posato al primo turno.

Supponiamo, per fare un esempio, che in una partita a quattro io abbia posato al primo turno un 3 ed un 4 verdi e che gli altri giocatori abbiano puntato invece sul blu, mettendo in tavola già 5 carte: avrò tutto l’interesse a giocare una carta blu nel secondo e/o nel terzo turno, sperando che qualcun altro faccia la stessa cosa con un’altra carta, per poter mettere fuori gioco quel colore (con 8 sballa).

È proprio questa strategia “aggressiva” (lo stesso discorso si può applicare naturalmente anche ai Kododo) che costituisce il maggiore interesse di 5211 e poiché si tratta di un “vero” gioco per tutti (anche i ragazzini lo capiscono subito) lo consiglio a chi vuole passare una mezzora allegramente, sfottendo chi “sballa” o facendosi sbeffeggiare dagli altri se un attacco non va a buon fine.

Trovi una descrizione più approfondita su balenaludens.it

5211 è un gioco di carte ideato da un autore giapponese (Tsuyoshi Hashiguchi) ed edito in Italia da Ghenos Games, per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su. Il suo titolo è una specie di “riassunto” del turno: i giocatori infatti tengono 5 carte in mano, ne giocano 2 nel primo turno di ogni round, poi 1 nel turno successivo e ancora 1 nel terzo ed ultimo. Poi si verifica chi ha ottenuto dei punti.

Il succinto regolamento ci fa capire che si tratta di un gioco semplice, indirizzato a tutti, la cui durata davvero ridotta (da 15 a 20 minuti a seconda del numero dei partecipanti) permette di effettuare 2-3 partite di seguito non appena si trova un’oretta di tempo.

Continua a leggere su balenaludens.it

Articoli su riviste:

Rivista Numero Anno Titolo articolo Pagina Autore Tipo articolo
WIN The Game Journal 533-534 2019 Played for you 11 Recensione breve

Commenti degli utenti


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.