Scarabya (2018)
Mon avis:
Auteur: Cathala Bruno
Maublanc Ludovic
Illustrateur: Aublin Sylvain
Editeur: Blue Orange Games
Oliphante
Nombre de joueurs: 1 - 4
Durée moyenne: 30 minutes
Public: Tout Public
Milieu: Scavi archeologici per trovare tesori nascosti
Genre: Abstrait
Mécanique: Coup d'oeil
Poser tuiles-pions-etc.
Moteur: Usage de ressources, pions, etc.
Composants: Voir les composants
Graphique: 7
Règles: 7
Agrément: 6
Hazard: 1
Complexité: 2
Evaluation BBG:
Voto: 6.73
Votes: 410
Classement: N.D.
Evaluation sur Magazines
Ilsa: N.D.
Plato: B
Spielbox: N.D.
Win Magazine: N.D.

Description

SCARABYA è un semplice gioco astratto (anche se l’introduzione al regolamento parla di ambientazione negli scavi archeologici) durante il quale i partecipanti devono cercare di creare aree di 1-4 caselle contenenti delle icone "scarabeo" (stampate sulla plancia) che garantiranno un certo numero di Punti Vittoria (PV).

Ognuno prende una cornice quadrata di cartone all'interno della quale vengono inserite quattro grandi tessere di 5x5 caselle quadrate: ognuna di esse ha due "buchi" (pari ad una casella vuota) posizionati però in modo diverso dall'una all'altra. All'inizio della partita il Primo Giocatore decide come sistemare le quattro tessere e tutti gli altri debbono metterle all'interno della loro cornice usando la stessa posizione e lo stesso orientamento.

Ad ogni partecipante vengono inoltre dati 8 segnalini di plastica colorata a forma di roccia (con i quali vengono "tappate" le caselle vuote) e 12 "pentamini" di cartone di forme tutte diverse. Al centro del tavolo viene messo un mazzetto di 12 carte da usare per la posa dei pentamini.

Il Primo Giocatore gira infatti una delle carte del mazzo che rivela quale sarà il pentamino da inserire nella griglia 25x25: da notare che nessun pezzo può uscire dalla cornice né sovrapporsi ad una roccia o ad un altro pentamino.

Se, posando uno di questi pentamini, il giocatore circonda completamente (con pentamini, rocce e cornice esterna) un'area di 1-2-3-4 caselle che contiene uno o più scarabei (stampati sulle tessere) marca per ognuno di essi un numero di punti pari alle caselle dell'area. Appositi gettoni numerati da 1 a 4 copriranno allora ogni casella di quell'area che contiene il disegno di uno scarabeo: così con quattro caselle, per esempio, il giocatore marca 4 PV per ogni scarabeo rimasto visibile.

Un giocatore deve sempre posare un pentamino se c'è spazio a sufficienza, anche se questo dovesse coprire degli scarabei, riducendo di fatto la sua possibilità di marcare altri punti: se però è impossibile posare un pentamino per mancanza di spazio "legale" la tessera viene scartata.

La partita finisce dopo aver girato l'ultima carta del mazzo e piazzato il relativo pentamino. Si sommano i PV di tutti i gettoni esistenti sulla propria plancia e chi ottiene il totale più alto vince la partita. 

Commentaire

Quando si prova per la prima volta SCARABYA si ha la tendenza a piazzare i pentamini nella maniera più compatta possibile, come avviene in tanti altri giochi del genere usciti negli ultimi anni, lasciando scoperte solo le caselle con gli scarabei.

Poi però, verso metà partita, ci si accorge che, riflettendo un po' meglio, si sarebbero potute creare delle aree più grandi per ottenere punteggi più alti ed è proprio questo il vero "cuore" del gioco.

L'uscita dei pentamini è regolata dalla sequenza sempre diversa con cui vengono scoperte le carte del mazzo, per cui non è possibile effettuare una programmazione vera e propria e bisogna basarsi molto sul proprio colpo d'occhio.

Il solo consiglio veramente utile è comunque quello di non posare MAI un pentamino in una posizione che renda impossibile poi "chiudere" un'area troppo grande. Meglio coprire qualche scarabeo e restare con un buon numero di caselle libere per trasformarla in due o più aree di 4 caselle o meno!

Vi assicuro che questo consiglio così “banale” in realtà è necessario, soprattutto nelle prime partite, perché spesso ci si accorge troppo tardi che diventa impossibile chiudere un'area perché il pezzo che poteva fare al caso ... è già stato posato in precedenza in un'altra parte del tabellone! 

Le regole forniscono anche due varianti:

la prima prevede una partita a due con alcune piccole modifiche al sistema di piazzamento;

la seconda è stata creata per il gioco in solitario, dove lo scopo è invece quello di riuscire a coprire con i propri pentamini TUTTE le caselle scarabeo (e non è un compito facile!).

Un gioco adatto a tutta la famiglia o per passare una mezzoretta divertente con gli amici. Buono anche come filler al club in attesa di un gioco più impegnativo.   

Critique sur balenaludens.it

Scarabya porta la firma di autori importanti. Il francese Bruno Cathala è uno degli autori di giochi da tavolo più prolifici e più conosciuti nel nostro “Mondo Piccolo” fin dai tempi di Queen’s Necklace (che segnò l’esordio di Days of Wonder nel 2003) e da alcuni anni ha addirittura abbandonato il suo vecchio mestiere per vivere… di giochi. Bisogna riconoscere che i suoi riescono comunque ad emergere in un mercato sempre più inflazionato (basti pensare allo Spiel des Jahres recentemente vinto con Kingdomino) segno che la sua inventiva non è diminuita. Bruno ha anche una predilezione particolare per lavorare in coppia con altri autori, ed uno dei suoi favoriti è proprio Ludovic Maublanc (che, a sua volta, ha già decine di giochi alle sue spalle).

Ed è dal loro lavoro in equipe che è nato Scarabya, il gioco che stiamo per esaminare, pubblicato da Blue Orange e distribuito in Italia da Oliphante. Concepito per 1-4 giocatori di età dagli 8 anni in su (e considerato che non dura più di 25-30 minuti) esso è chiaramente indirizzato alle famiglie, ma può essere tranquillamente usato o per disputare qualche partita rapida e divertente con giocatori saltuari. I più esperti invece lo useranno come “filler” nelle serate al club mentre attendono che venga terminato il set-up di giochi più impegnativi.

In questo ultimi anni, e dietro l’impulso del solito Uwe Rosemberg che ha lanciato per primo questa “moda” (Patchwork, tanto per citare il capostipite, seguito da Cottage Garden e da Indian Summer), sono diventati molto popolari i giochi in cui devono essere incastrati alla “Tetris” dei pezzi sagomati (vedi anche Baren Park): e Scarabya usa a sua volta proprio questo sistema, naturalmente con qualche variazione per distaccarsi dalla… concorrenza, prima fra tutti quella di utilizzare esclusivamente dei “pentamini” (pezzi di forme varie costituiti da 5 unità di base).

A suivre sur balenaludens.it

Critiques sur magazines:

Magazine Numéro Année Titre Page Auteur Genre
Plato 112 2018 Scarrement bien 47 Graveleau Lionel Recensione
Balena Ludens 2019-01-11 2019 A caccia dello scarabeo misterioso Cremona Pietro (A lire) Recensione dettagliata
ILSA Magazine 53 2019 Prime impressioni 55 Di Marco Mauro Recensione breve
WIN The Game Journal 525-26 2019 Played for you 28 Recensione breve

Commentaires des lecteurs


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.