La Stanza (2019)
My evaluation:
Designer: Sentieiro Nuno Bizarro
Soledade Paulo
Artist: Vohwinkel Konstantin
Edited by: Quined Games
Number of players: 2 - 4
Plying time: 90 minutes
Users: Da 10 anni
Ambient: Intrighi a Palazzo per ottenere dei capolavori
Categorie: Journeys
Mechanics: Combinations-Line up
To place tiles, pawns, etc.
Motor: Tiles
Money-Banknotes
Components: See the components
Graphics: 7
Rules: 6
Pleasure: 6
Luck: 2
Complexity: 3
BGG rating:
Voto: 6.82
Votes: 270
Ranking: N.A.
Rating on Magazine
Ilsa: N.A.
Plato: N.A.
Spielbox: N.A.
Win Magazine: N.A.

Description

Gli autori di LA STANZA sono i portoghesi Paulo Soledade e Nuno Bizarro Sentieiro, noti per avere creato già parecchi giochi ma soprattutto per alcuni titoli davvero brillanti (Madeira, Nippon, Panamax per citare i più noti): questa volta però non mi sembra che abbiamo “sfornato” un altro capolavoro, anche se il gioco è comunque interessante e la confezione include un sacco di materiali, tutti di alta gamma.

Il tabellone ci mostra l’interno di un palazzo diviso in sei stanze, ognuna delle quali (con esclusione della sesta) mostra tre caselle “percorso” sulle quali vengono posti altrettanti personaggi (tessere prese a caso da un sacchetto ad inizio partita): in ogni stanza è inoltre possibile eseguire uno dei seguenti tipi di azione ed acquisire dei “capolavori” (ovvero spazi che assegnano da 5 a 17 Punti Vittoria):

  • “Scoperte” (blu): qui si fa avanzare una barca su un tracciato che aumenta la disponibilità di denaro (fino a metà percorso) e poi regala da 1 a 15 PV:
  • “Letteratura” (rossa): qui si acquisiscono dei libri (verdi, bianchi, gialli e blu) da depositare nella scaffalatura della propria plancia per ottenere dei bonus;
  • “Religione” (verde): qui si possono piazzare dei dischi “bonus” su apposite caselle colorate, da usare in seguito per aumentare la “potenza” delle altre azioni;
  • “Arti” (gialla): in questa stanza si possono acquistare delle opere d’arte di tipo e valore variabile (statua, dipinto o pergamena) utili per fare PV alla fine;
  • “Politica” (bianca): qui si ottengono dei “consiglieri” (meeples colorati e bianchi che fungono da jolly) da utilizzare per eseguire azioni extra;
  • “Stanza dei Bonus”: qui ad inizio partita vengono piazzate 12 tessere che possono potenziare le proprie azioni o assegnare PV a fine partita.

Ogni giocatore ha una plancia personale con una scaffalatura (griglia di 4x4 caselle) per i libri e due piste per i personaggi: la prima (5 caselle) è vuota, inizialmente, e servirà ad ospitare i nuovi personaggi reclutati durante gli spostamenti nel palazzo mentre la seconda (6 caselle) è riempita con 5 personaggi (uno per ogni colore) ed una tessera “finanziere”.

Durante la partita i segnalini dei giocatori si muovono all’interno del palazzo di 1-4 caselle e prendono automaticamente la tessera “personaggio” su cui si fermano: essa viene immediatamente trasferita nella prima riga della plancia ed il giocatore deve decidere se:

  1. – Attivare una disciplina: si fa scendere un personaggio dalla prima alla seconda fila (prendendo quindi il posto di una delle tessere qui presenti e pagando una somma variabile da 1 a 5 monete) e si contano le tessere dello stesso colore della stanza attivata per ottenere 1-2-3 benefit (spostamenti della nave, libri, bonus, ecc.). È possibile attivare una disciplina anche in una stanza diversa utilizzando però un “consigliere” del colore giusto. È anche possibile aumentare la “potenza” dell’azione utilizzando i dischetti accumulati nella stanza “religione”, in modo da ottenere dei capolavori (e quindi PV extra).
  2.  - Ottenere denaro: si guarda su quale casella è la propria nave (valore da 7 a 15) e si prendono dalla banca abbastanza monete da aggiungere a quelle già possedute per arrivare al valore segnato dalla nave. Però si deve anche spostare la tessera “finanziere” di una casella verso destra espellendo così il personaggio più a destra nella fila.
  3. – Passare e non fare altro.

Ogni volta che due stanze restano senza personaggi si chiude il turno in corso, si riempiono con nuove tessere tutti gli spazi vuoti sul tabellone e si ricomincia. La partita finisce dopo il 5° turno completo, concedendo però ancora tre mosse finali a tutti i giocatori. Chi ottiene il maggior numero di PV con quanto ha saputo costruire vince.

Comment

Le prime mosse della prima partita a LA STANZA sono piuttosto ingannevoli e tutti sono portati a pensare che si tratti di una banale gioco di percorso con acquisizione e “combo” di tessere, così la tensione cala, anche perché non ci si capisce a cosa potranno mai servire tutti i componenti forniti. Il primo ed il secondo turno si susseguono quindi in rapida successione perché i giocatori fanno man bassa dei personaggi lasciando le stanze vuote in pochi minuti.

Poi, col passare dei rounds, ci si rende conto che se non si è fatta una scelta iniziale su cui puntare, seguita da buona programmazione delle proprie mosse e da un metodo ben preciso sul come “sacrificare” a turno i personaggi della propria seconda riga, non c’è alcuna possibilità di poter vincere la partita perché ci si ritrova con quasi nulla di “concreto” in mano…

In realtà è consigliabile puntare ad un paio di colori alla volta, cercando di fare poi 1-2 attivazioni di potenza 3, se possibile, prima di cominciare a scartare quel colore per sostituirlo con un altro e ripetere la cosa. Per ottenere poi dei capolavori in ogni colore bisogna avere 4-5-6 punti e visto che è quasi impossibile avere più di 4 personaggi dello stesso colore nella propria plancia bisogna contare su un “supporto esterno” (i dischetti nella stanza della Religione) sapientemente preparato nei rounds precedenti.

È praticamente impossibile ottenere un capolavoro in ognuna delle 5 stanze perché non si ha la possibilità di concentrare sempre tanti personaggi dello stesso colore in un lasso di tempo abbastanza ridotto (e gli avversari hanno anch’essi le loro … esigenze) né si riesce ad accumulare tanti gettoni bonus: quindi è bene concentrarsi su 1-2 stanze ed ottenere qui i capolavori più alti (12 o 17 PV) per i quali servono 6 punti (4 personaggi e 2 dischi, per esempio).

Dopo un paio di turno tutti cominceranno ad avere anche la possibilità di ottenere delle tessere bonus nella sesta stanza: questo perché ognuno di essi esige delle condizioni ben precise:

  • Avere 1-2-3 colonne della libreria piene con i libri acquisiti nella stanza rossa;
  • Avere ottenuto 1-2-3 consiglieri “bianchi” nella stanza blu;
  • Avere 1-2-3 coppie di dischetti nella stanza verde;
  • Avere accumulato opere d’arte per 5-10 15 punti nella stanza gialla.

Ognuno di questi bonus può aiutare durante l’attivazione delle varie stanze oppure assegnare PV extra fine partita, quando si devono conteggiare:

  • I punti ottenuti con i capolavori nelle varie stanze (5-8-12-17);
  • I punti della casella raggiunta dalla nave nella stanza blu (da 1 a 15),
  • Quelli ottenuti coprendo certe caselle della propria libreria;
  • Quelli per avere acquistato opere d’arte (da 5 a 17);
  • Quelli di alcune tessere bonus;
  • Ecc.

In definitiva si tratta di un gioco che si presenta in maniera non convenzionale e che può essere un po’ sviante nella prima partita, ma riprende quota quando i giocatori riescono a  capire il vero funzionamento e giocano di conseguenza.

Reviews on magazines:

Magazine Number Year Title Page Writer Type
ILSA Magazine 57 2020 Prime impressioni 44 Bricchi Michele Recensione

Readers' comments


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.