Above and Below (2015)
My evaluation:
Designer: Laukat Ryan
Artist: Laukat Ryan
Edited by: Da Vinci Giochi (dV Giochi)
Red Raven Games
Number of players: 2 - 4
Plying time: 90 minutes
Users: Regular players
Ambient: Costruzione di villaggio ed esplorazione sotterranea
Categorie: Sviluppo-Ampliamento
Esplorazione
Mechanics: Piazzamento lavoratori
Motor: Carte
Components: See the components
Graphics: 7
Rules: 7
Pleasure: 7
Luck: 2
Complexity: 3
BBG rating:
Voto: 7.65
Votes: 6.506
Ranking: #127
Rating on Magazine
Ilsa: N.A.
Plato: N.A.
Spielbox: N.A.
Win Magazine: N.A.

Description

Above and Below (traduzione letterale: "sopra e sotto") è un gioco che, pur utilizzando meccaniche già note, aggiunge alcune interessanti e divertenti novità, fra le quali un "pizzico" di avventura con incontri a sorpresa. I giocatori iniziano la partita in una piccola casetta di fango e con tre personaggi (i lavoratori). Ognuno ha una plancia personale, sulla quale farà agire i suoi personaggi ed accanto alla quale si svilupperà il suo villaggio, costituito da edifici (carte) sul territorio e da altre costruzioni che potranno essere installate nelle caverne del sottosuolo, naturalmente dopo averle esplorate. Ogni edificio ha un costo (in monete d'oro) e regala qualche "bonus": soldi, risorse, punti vittoria e "punti ristoro". Questi ultimi sono molto importanti perché ognuno di essi permette di fare "riposare" un lavoratore: dopo aver scelto un'azione infatti i personaggi sono messi nella sezione "stanchi" della plancia e solo a fine a turno possono tornare disponibili se si hanno abbastanza punti ristoro (ne serve uno per lavoratore ed all'inizio la nostra casetta di fango ce ne da solo TRE fissi). Le azioni possibili ad ogni turno, e ripetibili, sono cinque: costruire (per acquistare nuovi edifici pagandone il costo in monete d'oro, possibile solo con personaggi con il simbolo del "martello"); addestrare (per prendere nuovi personaggi dalla riserva pagandone il costo in monete d'oro, possibile solo con personaggi con una "penna"); raccogliere (ogni personaggio può raccogliere una risorsa dalle carte già acquisite che ne contengano una o più); lavorare (per ottenere una moneta d'oro e, ma solo per il primo di ogni turno, un barile di sidro che permetterà di far riposare un lavoratore extra). L'ultima azione è "esplorare" ed è indispensabile per scendere sotto terra e visitare le caverne prima di poter aggiungere costruzioni sotterranee: il giocatore decide quanti dei suoi personaggi effettueranno l'eplorazione, prende una carta e lancia un dado. Il numero ottenuto rimanda ad un paragrafo di un apposito "libro delle avventure" in cui, come nei classici librogames di una volta, è descritta uan situazione e si ha la scelta fra tre possibili decisioni. In base alla sua scelta ed alle "abilità" dei personaggi il giocatore può ottenere monete, risorse, punti vittoria, ecc. Al termine dell'ottavo turno la partita finisce, si calcolano i punti e si proclama vincitore chi ha il totale più alto.

Review on balenaludens.it

Dell’estro e dell’ecletticità di Ryan Laukat, editore, game designer e illustratore statunitense, abbiamo già ampiamente parlato in occasione della nostra recensione di Otto Minuti per un Impero – Leggende: non sarà forse uno degli autori più originali in circolazione, ma è sicuramente uno dei più creativi e, soprattutto, vanta un’abilità più unica che rara nel saper coniugare con grande efficacia generi e stili tra loro apparentemente lontani. Così, se con la serie Otto Minuti per un Impero ha cercato di “condensare” i pilastri della filosofia “german” in un quarto d’ora di gioco, nel 2015 ha deciso di affidare al solito Kickstarter un progetto ancora più ambizioso, quantomeno concettualmente: fondere nel modo più armonioso possibile lo storytellingall’eurogame “duro e puro”. È nato, così, Above and Below e vi anticipiamo che – a nostro modesto parere – l’esperimento è riuscito, perché provandolo non si ha la sensazione di essere al cospetto di una sorta di “Frankenstein” ludico: l’esperienza di gioco scorre fluida e le due componenti non stridono.

Follows on balenaludens.it

Reviews on magazines:

Magazine Number Year Title Page Writer Type
ILSA Magazine 39 2016 Sotto la lente 11 Aspesi Fabrizio Recensione dettagliata
Spielbox 2016/4 2016 Settling underneath the turf 38 Ducksch Stefan Recensione dettagliata

Comment

Questo connubio fra piazzamento lavoratori e avventure dà un tocco di originalità molto apprezzato: il gioco non è difficile e quindi è adatto a un pubblico più ampio. Il primo e basilare concetto è quello della "stanchezza" dei lavoratori: averne tanti non serve se ad ogni turno se ne recupera solo una parte, per cui nei primi turni sarà bene cercare di acquisire qualche carta con punti "ristoro" e, di conseguenza, aggiungere poi qualche personaggio extra. Le costruzioni non sono tutte "uguali" e bisognerà dunque cercare di dare la precedenza a quelle che offrono i bonus di cui avremo bisogno sulla base della strategia scelta: per esempio dando la caccia ai punti "ristoro" se pensiamo di sfruttare tanti lavoratori nelle esplorazioni, oppure accaparrandoci edifici che diano soldi o Punti Vittoria (PV), o anche, soprattutto verso la fine, i costosissimi edifici che però assegnano tanti PV in base ad altre acquisizioni. Purtroppo i costi non sono sempre alla "portata" di tutti e qualche volta sarà meglio non spenderne per avere la cifra necessaria nel turno successivo. All'inizio del turno tutti ricevono un minimo di 4 monete, ma per aumentare questo appannaggio è necessario acquisire risorse: ognuna di esse viene piazzata in un'apposita pista nella parte bassa della plancia e fa aumentare l'incasso fino a un massimo di 8 monete, mentre altri soldi possono arrivare dalle carte costruzione. Per costruire sotto terra bisogna prima esplorare il territorio (con le apposite carte) leggendo l'avventura determinata dal lancio di un D6 e cercando di indovinare quale possa essere la decisione più remunerativa: ogni soluzione richiede un minimo di punti "esplora" e questi si ottengono lanciando un dado per ogni personaggio e superando una soglia minima (anche qui certe costruzioni possono aiutare perché permetttono di rilanciare i dadi più sfortunati). Una volta esplorato il territorio, e purché in "alto" ci sia già una costruzione, sarà possibile acquistare edifici "sotterranei" che solitamente sono più remunerativi di quelli di superficie. I punti si fanno in tanti modi: accumulando risorse sulla plancia, acquisendo edifici che danno punti vittoria, progredendo in un'apposita "pista" della reputazione (che fa salire o scendere un apposito segnalino in base a edifici acquisiti o avventure andate a buon fine) e aggiungendo 1 PV per ogni edificio costruito. Come anticipato il gioco è piacevole, non troppo lungo e comunque obbliga a sforzare un po' i neuroni per scegliere le migliori "combo" di lavoratori, edifici e bonus.Consigliato

Readers' comments


Si precisa che tutti i nomi di Ditte o Prodotti che vengono esposti in questo sito sono di proprietà delle rispettive aziende ed il fatto che vengano qui citati non intende infrangere alcun diritto dei detentori né violare alcun copyright.
Chiunque ritenesse di vantare dei diritti di immagine o di copyright e volesse farli valere è pregato di contattarci perché si possa provvedere alla rimozione dei documenti indicati.